Senato, il giorno – o quasi – della verità

Non arrivera’ prima delle 20,30 di oggi il ‘verdetto’ del Senato sulla fiducia sulle comunicazioni che il presidente del Consiglio terra’ in mattinata sulla crisi di governo. Questo il timing della seduta di domani. I lavori inizieranno alle 9,30 con l’intervento del premier, che oggi alla Camera ha parlato per circa un’ora. Iniziera’ poi la discussione generale. La conferenza dei capigruppo, nei giorni scorsi, ha messo a disposizione dei gruppi 5 ore, che sono state cosi’ suddivise: un’ora per al Movimento 5 stelle, 50 minuti alla Lega, 40 a Forza Italia, 30 al Partito democratico, 40 al Gruppo Misto, 30 minuti a Fratelli d’Italia, 30 a Italia viva e 20 al Gruppo Per le Autonomie. La discussione sara’ interrotta alle 12,30 per consentire la sanificazione dell’Aula. Un’operazione che richiedera’ uno stop di circa un’ora e che sara’ ripetuta anche alle 16,30, al termine della discussione generale e prima della replica del presidente Conte (15 minuti circa), cui seguiranno le dichiarazioni di voto (che dureranno un’ora e mezza) e la chiama. Tra il voto e lo scrutinio passera’ un’altra ora. Secondo le previsioni, dunque, se la tabella di marcia sara’ rispettata, la seduta del Senato di domani durera’ circa 11 ore.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Rigopiano la vergogna di uno Stato che non ha mai colpevoli

Articolo successivo

Boni: Pil e vaccini. Ci voleva la Moratti per dire una cosa da lombardi?