Sedute lampo in Regione Sicilia, i furbetti del cronometrino

di REDAZIONEESTATE: CASINO',IL SOGNO DI DON MIMI' ATTESO DA 80 ANNI

In Sicilia sono veloci, velocissimi, nel prendere o nel non prendere decisioni politiche. A quanto pare, infatti, una delle ultime sedute dei cosiddetti parlamentari dell’assemblea regionale siciliana, sarebbe durata appena 22 minuti. Pochi i presenti, quasi tutti assenti, nonostante si dovesse votare il Dpef. Nessuna sanzione per gli assenti, 250 euro a cranio, chi presiedeva non ha dato corso alla sanzione perché nessuno dei presenti in aula ne ha fatto richiesta. E chi c’era? Zitti e mosca? Altro giro di ruota per un’altra seduta dalla durata, il 23 ottobre 2013, di 19 minuti.

“Una riunione flash, che però – secondo l’edizione locale di Repubblica – aveva fatto guadagnare ad ogni parlamentare 27 euro al minuto, cioè 1.614 euro l’ora”, rilancia anche il Fatto quotidiano. Cosucce.

E aggiunge: “La poltrona di vice presidente, per esempio, è vuota da giugno, la legge che abolisce definitivamente le province aspetta da un anno di essere completata, mentre di bilancio non si parla da tempo. Uno si chiede: i deputati siciliani fanno sedute brevi perché poi alla fine si riuniscono spessissimo? Nossignore: all’Ars non solo le sedute durano spesso pochi minuti, ma vengono anche convocate con misura . In tutto il 2014, per esempio, i novanta parlamentari siciliani si sono riuniti 78 volte in totale, circa una volta a settimana, mentre da gennaio ad oggi le sedute sono state appena dieci. Tutto questo nonostante la lunghissima pausa estiva durata dal 7 agosto al 18 settembre, e cioè ben trentadue giorni di ferie, ovviamente pagate”.

Viva l’autonomia speciale.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. A volte mi chiedo se l’autonomia che cercano in lombardia punta veramente a fornire migliori servizi ai cittadini lombardi o a creare una Ars bis…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Salvini in calo di consenso va al campo rom...

Articolo successivo

E' giallo per tassa sui contanti oltre 200 euro, comprese mancette di Cresima e Comunione