Secondo la Cgia cala l’evasione. Ma dimentichiamo di ricordare dove si evade. E col residuo fiscale non è lo Stato che evade e scappa con i nostri soldi?

di Monica Rizzi – Un ampio studio della Cgia di Mestre ci dice che “Finalmente l’evasione fiscale diminuisce”. Lo afferma l’Ufficio studi  in base ai dati del “tax gap” elaborato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, per cui nel 2019 (ultima annualita’ disponibile), sarebbe scesa a 80,6 miliardi di euro. “Se utilizziamo la stessa metodologia di calcolo anche per gli anni precedenti – prosegue la Cgia – negli ultimi cinque anni gli ‘007’ del Fisco hanno recuperato ben 13 miliardi di euro. Pur non potendo contare ancora su almeno 80 miliardi di euro di tasse ogni anno, l’Amministrazione finanziaria italiana sembra essere riuscita a trovare la strada giusta per combattere efficacemente – sottolinea – questa piaga sociale ed economica, che da sempre caratterizza negativamente il nostro Paese”.

Il nostro Paese o alcune aree regionali in particolare del nostro Paese? E l’evasione conteggia anche l’incapacità di molte amministrazioni locali di riscuotere tasse, multe, e altro?

Secondo la Cgia nel prossimi 4/5 anni l’evasione potrebbe addirittura venire dimezzata “se riusciremo a contrastare con maggiore incisivita’ l’economia sommersa, faremo pagare le tasse anche ai colossi dell’e-commerce presenti nel nostro Paese, se riusciremo a incrociare in maniera efficace le 161 banche dati fiscali e, infine, se assisteremo a una seria riforma del fisco che tagli strutturalmente il peso delle tasse su tutti i contribuenti”.

Certo che se la tassazione ai giganti del web è meno di un terzo o la metà di quanto paghiamo noi, ancora una volta di che stiamo a parlare? Dell’evasione che cala?! E non è forse lo Stato col nostro residuo fiscale a scappare con le nostre risorse?

Monica Rizzi, Responsabile organizzativo federale Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

E mentre le pensioni annaspano non dimentichiamo la proposta di Matteo: andate a vivere a Reggio Calabria

Articolo successivo

Sanità e zero federalismo - La Calabria si lamenta per i 320 milioni per i viaggi della speranza