Se persino l’arcivescovo di Milano invita la politica a non fare elemosina di Stato

di Monica Rizzi – Non è solo questione di reddito di cittadinanza ma di roboanti promesse di sconti, di pensioni per tutti, di tasse dimezzate per tutti. Persino l’arcivescovo di Milano, la  chiesa di Ambrogio, ha sbottato.

Le dichiarazioni che seguono dicono tutto.

”I cittadini cercano più rassicurazioni ma non come una sorta di garanzia di provvedimenti di beneficenza”. Lo sottolinea l’arcivescovo di Milano Mario Delpini in un’intervista a ‘il Giornale’. ”I cittadini non sono clienti, quindi dialogo vuol dire che sono considerati cittadini anche gli uomini delle istituzioni – spiega – Il dialogo tra persone che hanno a cuore il bene comune è sempre possibile e può aiutare a uscire dalle crisi che attraversiamo. Quindi l’incontro, il dialogo e il senso di partecipazione mi pare che siano irrinunciabili in un momento come questo”. E sulle elezioni aggiunge: ”Il mio punto di vista è che se uno è assente non può dire niente, se uno è presente può discutere, contestare, proporre. Il mio appello è di partecipare al voto, di riconoscere un progetto di società che ci sta a cuore, avere un desiderio non soltanto egoistico che la politica e l’amministrazione vengano in aiuto alle mie personali e private necessità e problemi. Ma che insieme si costruisca. Il voto è una parte essenziale di questo processo di partecipazione senza il quale la società è destinata a disgregarsi”. ”Credo che la criminalità abbia la sua radice non nella povertà ma nello smarrimento della distinzione tra bene e male – precisa – Quando uno, ad esempio, ritiene che possa fare qualunque cosa per difendere i suoi interessi o per imporre il suo potere”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Dopo le accise la favola dell'abolizione del canone Rai

Articolo successivo

Il decreto Aiutino