Se il Veneto deve fare un mutuo per pagare i dipendenti comunali… Ma nessuno fa la rivoluzione fiscale

di GIOVANNI D’ACQUINOveneto stato muro

Tu chiamale se vuoi… intimidazioni. Perché se lo Stato costringe un Comune, veneto, quindi con un residuo fiscale in avere rispetto alle tasse versate a Roma, se lo costringe appunto a farsi un mutuo per pagare i dipendenti comunali, se nessun sindaco si ribella e spezza con coraggio, con davanti il governatore in prima fila, le catene del patto di stabilità… e se si va avanti solo a ripetere che serve l’autonomia, che si è d’accordo con l’indipendenza ma prima occorre vedere che ne pensa Roma, beh, il Veneto resta suddito dello Stato predone. “Svuotando le autonomie locali e ricentralizzando il controllo della spesa, si può continuare a dare a chi spreca”. Lo dice il presidente del Veneto Luca Zaia commentando la notizia che il Comune di Villorba nel trevigiano ha fatto un mutuo per poter pagare i suoi dipendenti. “E’ il segnale più evidente della vergogna di questo Stato – sottolinea Zaia – e dei miracoli a cui deve ricorrere un sindaco-eroe. Basta! E’ ora di togliere i vincoli del Patto di Stabilità per i Comuni che hanno i conti a posto. E ridateci i 21 miliardi di residuo fiscale che il Veneto ha in attivo nei confronti dello Stato”.

Bene, Zaia, fatelo, forzate il patto di stabilità. Salvini annunciò per l’autunno scorso grandi manovre di resistenza fiscale. Dove sono?

“La manovra del governo è ormai evidente – aggiunge il presidente – e conferma che i tagli ci sono, ammontano a cifre esorbitanti e colpiscono gli enti locali e le Regioni virtuose, come il Veneto. Un’applicazione vera dei costi standard con la Legge di stabilità farebbe risparmiare 30 miliardi l’anno. Questo richiederebbe però il taglio degli sprechi e che tutte le amministrazioni fossero oculate nella spesa. Invece il governo non cambia registro e impoverisce brutalmente soprattutto chi ha sempre cercato di amministrare bene. Il rischio forte è la riduzione dei servizi ai cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Islam, smantellata cellula di addestramento dell'Isis in Italia

Articolo successivo

1992, Di Pietro: ieri le mazzette, oggi i ministeri hanno istituzionalizzato "gli aumenti"