Se i migranti non accettano di stare in agriturismo perché preferiscono la città

agriturismo2di REDAZIONE

Prosegue sotto il sole a Palmadula, la borgata del comune di Sassari, la trattativa ad oltranza fra il centinaio di migranti, che hanno dato vita a una rivolta dopo essere stati trasferiti dal Centro di accoglienza di Santa Maria La Palma (Alghero), e i funzionari della questura e della prefettura che cercano di convincerli a prendere posto in una struttura privata (un agriturismo) individuata in accordo con il Comune. La maggior parte dei migranti ha deciso di non scendere dai due pullman e chiede di essere trasferita nei pressi di un centro abitato piu’ grosso. “Non si rendono conto – spiega il portavoce della questura, Paolo Meloni – che qui a Palmadula potrebbero stare meglio rispetto al posto in cui si trovavano prima. Prefetto e questore stanno cercando di spiegarglielo. Una quarantina di loro e’ stato convinto dalla fame e dal caldo a scendere dai pullman, ora dovremo riuscire a convincere anche gli altri”. I migranti sono stati trasferiti durante la notte in una struttura nelle campagne di Palmadula, frazione del capoluogo, ma una volta giunti a destinazione e scoperto che erano stati portati in aperta campagna, hanno dato vita alla rivolta. Per convincere i richiedenti asilo a scendere dai pullman, sul posto a trattare con il prefetto Salvatore Mulas e il questore Pasquale Errico anche il sindaco di Sassari Nicola Sanna. “Nell’agriturismo, una struttura a due piani, sono presenti nove bagni e in serata – e’ stato promesso ai migranti – verra’ piazzata una cucina che verra’ messa a disposizione, verranno portate delle tv e installate delle connessioni internet. Chissa’ che questo – ha aggiunto il portavoce – non li convinca ad accettare l’accoglienza che per ora rifiutano”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Ah si vogliono andare vicino un centro abitato? E tutti la a spiegare cosa… (non sono razzista) non gli va bene li portino subito da dove sono partiti risolto problemi. Tanto poi li vanno a prendere il giorno dopo…

  2. Eh ma trasferirsi in campagna vuol dire dover uscire dal giro dello spaccio cittadino e di tante altre opportunità piccolo criminali

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

300 Lombardi, Longhin nuovo presidente

Articolo successivo

La petizione di Indipendenza Lombarda per abolire le prefetture