Se anche Orlando ammette: la Sicilia è una calamità istituzionale

di CASSANDRAmare-Sicilia-Agrigento

“E’ da un anno e mezzo che chiedo il commissariamento della Regione e che l’Anci all’unanimità parla di stato di calamità istituzionale. Tutto quello che è emerso negli ultimi giorni è la conferma di una condizione di crisi che denunciamo da oltre un anno e mezzo tra l’indifferenza e il fastidio di molti”. Lo ha detto il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando, a proposito della situazione in cui versa il governo regionale, guidato dal presidente Rosario Crocetta.

E quindi, ora che accadrà?

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. E i debiti chi li paga! Sforiamo il 3% anzi no il 10% e se non possiamo allora diciamo di cambiare l’Europa, vogliamo una Europa diversa dove ognuno fa quello che vuole. E se andassero a Roma persone con solo la licenza di 3^ media anzichè i classici laureati forse cambierebbe qualcosa? In peggio senz’altro no!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La tassa sul caldo, regalo d'Europa: 200 euro a condizionatore. Se non vuoi pagare, crepa di caldo

Articolo successivo

La Catalogna avanti anni luce: parlamento vieta animali selvatici nei circhi