Se anche Bankitalia chiede di abbassare le tasse

Lo dice anche il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco. Le tasse sono troppe. Spesso l’inasprimento fiscale genera evasione, a danno del sistema del welfare, dei più deboli e di chi produce sul serio. Nulla da dire, ministro dell’economia,  Gualtieri?

 

“Nel quadro macroeconomico del Governo si prevede per il 2020 un disavanzo pari al 10,4 per cento del PIL e un aumento del peso del debito pubblico sul prodotto di 21 punti percentuali, al 156 per cento. Un lascito così pesante impone una presa di coscienza della dimensione delle sfide di fronte a noi”. Nel testo viene spiegato che “con un tasso di crescita dell’economia compreso tra l’uno e il due per cento”, un calo dello spread, e un avanzo primario dell’1,5% “sarebbe sufficiente per ridurre il peso del debito sul prodotto di circa due punti percentuali in media all’anno”.

“Ciò che soprattutto ci differenzia dalle altre economia avanzate è l’incidenza dell’economia sommersa e dell’evasione che si traduce in una pressione fiscale effettiva troppo elevata per quanto rispettano pienamente le regole“. Visco in sostanza invita ad “un profondo ripensamento della struttura della tassazione, che tenga contro del rinnovamento di sistema di protezione sociale, deve porsi l’obiettivo di ricomporre il carico fiscale a beneficio dei fattori produttivi“. Per Visco “le ingiustizie e i profondi effetti distorsivi che derivano da evasione e sommerso si riverberano sulla capacità di crescere e di innovare delle imprese; generano rendite a scapito dell’efficienza del sistema produttivo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Süd-Tiroler Freiheit: Austria non ha negato l'ingresso all'Italia

Articolo successivo

Senzasconti, Rizzi in studio ad Antenna 3 con Bernardelli