Scuola, test volontari un flop. Apertura sicura?

“A pochi giorni dall’inizio delle lezioni, ci troviamo di fronte a situazioni che non vanno nella direzione di garantire la riapertura delle scuole in piena sicurezza per studenti e personale scolastico. Abbiamo segnalazioni di problemi nella campagna per effettuare i TEST sierologici a docenti e personale Ata, per scarsa disponibilita’ sia da parte di chi li somministra sia dei soggetti che dovrebbero essere testati. Sebbene i TEST non siano al momento obbligatori, ribadiamo una volta di piu’ che c’e’ una differenza tra diritto individuale ed interesse generale che, in questo momento, e’ quello che le scuole ripartano in piena sicurezza e nessuno puo’ scaricare le responsabilita’ su altri”.

Lo dichiara Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva. “Alla luce di cio’ chiediamo che le aziende sanitarie garantiscano in maniera tempestiva la consegna ai medici di famiglia dei kit che devono essere somministrati in spazi dedicati che garantiscano la piena sicurezza di operatori e con un carico burocratico semplificato per gli stessi medici; ci appelliamo al senso di responsabilita’ dei medici di famiglia che non possono rifiutarsi di somministrarli, se ci sono spazi idonei e sicuri, perche’ e’ un atto che riguarda la salute pubblica e a quello di docenti e personale scolastico che, dal canto loro, non devono rifiutarsi di fare il TEST perche’ e’ fondamentale per la ripartenza delle scuole in piena sicurezza. Se non si va in questa direzione – conclude Gaudioso – chiederemo al Commissario di intervenire con un atto di obbligatorieta’. Nello stesso tempo, siamo dell’idea che la misurazione della temperatura degli studenti non possa essere a carico delle famiglie e per questo riteniamo che le scuole dovrebbero essere fornite dei termo-scanner, come gia’ prevede ad esempio la Regione Campania (per istituti superiori) e il Comune di Roma (per nidi e SCUOLA dell’infanzia)”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Referendum, Rizzi: perché voto SI. Tagliare la casta è un dovere. Poi taglieremo gli stipendi

Articolo successivo

Serve una riforma fiscale imponente. I commercialisti contro Roma