Scuola, si riapre il 7 gennaio e ci pensano i prefetti. Allora siamo in carrozza…

Le prefetture hanno adottato i documenti operativi all’esito dei lavori dei tavoli di coordinamento scuola-trasporti istituiti in tutte le province in vista della ripresa, dal 7 gennaio, dell’attività didattica in presenza. I prefetti hanno tenuto conto anche dell’ordinanza del ministro della Salute del 24 dicembre 2020 che limitatamente al periodo 7-15 gennaio riduce la presenza in classe al 50%.”Tutti i prefetti hanno svolto un’opera  di coordinamento per garantire la ripresa dell’attività didattica in presenza a partire dal 7 gennaio. Si è trattato di una operazione complessa che ha consentito di individuare per tempo soluzioni differenziate a livello territoriale, coniugando le esigenze del mondo scolastico con le risorse straordinarie stanziate per il comparto trasporti”, ha dichiarato il ministro dell’interno, Luciana Lamorgese. “Ancora una volta – ha aggiunto – la rete delle prefetture è riuscita a definire modelli organizzativi condivisi frutto di un’opera di confronto costruttivo tra tutti i protagonisti dei tavoli, punto di raccordo tra i diversi livelli governo nazionale e territoriale, con l’obiettivo comune di riaprire le aule agli studenti in sicurezza già all’inizio del nuovo anno”.

Ma la scuola non era un tempo una competenza regionale? E non esistevano un tempo i trasporti locali?

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Bernardelli: anno nuovo, io lotto per un Nord libero. Il virus dello statalismo chi se lo porta via?

Articolo successivo

Conti in rosso: hanno tolto autonomia anche ai direttori di filiale