Scuola, primi 15 giorni chiave per capire futuro

Le scuole si preparano a riaprire i battenti in tutta Italia, tra misurazione della temperatura, banchi singoli e mascherine. Ma come sarà questo anno scolastico ai tempi di Covid-19? L’Adnkronos Salute lo ha chiesto a virologi e scienziati italiani, convinti che con la ripresa i casi aumenteranno, ma che i primi 15 giorni saranno cruciali per capire se il sistema ‘reggerà’. Dagli specialisti consigli pratici e l’invito a una particolare cautela nei rapporti fra giovanissimi alunni e nonni, più vulnerabili rispetto a Covid-19. “Le misure adottate nelle scuole, anche se arrivate un po’ in ritardo, vanno nella direzione giusta. La regola più importante è il distanziamento tra gli studenti e poi indossare la mascherina non solo negli spazi comuni, ma fin dall’autobus per raggiungere l’istituto. Saranno però determinati i primi 10-15 giorni, lì si capirà se il sistema messo in piedi funziona”, afferma infatti Matteo Bassetti, infettivologo dell’ospedale Policlinico San Martino di Genova. “Non è spostando l’apertura che si risolve il problema”, sottolinea però.

– “Io sono fortemente convinto che tutto andrà per il meglio – evidenzia l’esperto – Abbiamo fatto le cose con grande scrupolo e le famiglie vanno tranquillizzate: la scuola è sicura, purché non ci siano deviazioni dalla linea del ministero e ognuno faccia il proprio dovere. Poche e semplici regole da seguire, perché è l’unico modo affinché tutte le rispettino. Non si deve sbagliare come fatto prima dell’ estate con il distanziamento degli ombrelloni, ad esempio, norme che non erano praticabili e poi si è visto come è andata”. “La scuola – dice il virologo dell’Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco – deve essere aperta: ci saranno dei focolai, ci saranno problemi all’inizio. Ma di certo, se ci sarà un coordinamento tra presidi, insegnanti e famiglie, troveremo una soluzione di operatività e fattibilità”. Il virologo sottolinea anche l’importanza del rispetto delle misure e della capacità di intercettare eventuali casi positivi.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lockdown, crisi peggiore del 1929

Articolo successivo

Il primo 11 settembre? Quello di Marco d'Aviano