Scuola, la trovata: sospeso per 5 giorni chi non ha Green Pass. Ma ministero lascia le cattedre vuote

“La norma è molto chiara nel dire che se una persona che non ha il green pass dopo cinque giorni continua a non averlo allora deve essere sospeso e si deve procedere alla sostituzione. Il problema non è la sospensione, ma è che bisogna aspettare cinque giorni e in questi cinque giorni chi c’è? Sono cinque giorni di vuoto. Se si pensa alle classi della primaria capiamo bene che il problema organizzativo c’è”. Lo dice il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, a Skytg24.

Poi Giannelli entra più nel vivo:  “I problemi della scuola sono rimasti sostanzialmente quelli: l’edilizia non è migliorata, serve un piano pluriennale. Si potrà fare con il Pnrr, è previsto che si costruiscano le scuole, bisogna mettere mano agli edifici, che spesso sono obsoleti e vetusti, non pensati per la didattica come servirebbe oggi. Servirebbero aule più spaziose e più aule se vogliamo davvero liberarci dalle classi pollaio”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Braci sotto la cenere. Indipendenza del Kosovo, la Serbia pronta a campagna contro il riconoscimento

Articolo successivo

Gli Usa erano stati avvisati del collasso imminente a Kabul