Scuola, la Lombardia poteva prendersi l’autonomia. Ma la Lega ha preferito prendere altro…

scuola-sicuraHanno scritto su Facebook…

di GIUSEPPE REGUZZONI – C’ero anch’io ad un convegno di sabato su autonomie e indipendentismi e ho ritenuto di intervenire quando si è toccato il punto “scolarità”. In effetti, non esiste movimento indipendentista, o anche solo autonomista e federalista, che non abbia condotto una battaglia decisiva sul tema scuola, istruzione, università. Così hanno fatto i Sudtirolesi, i Catalani, I Valdostani e molti altri a tutela della loro identità culturale e LINGUISTICA. Ai relatori, Alessandro Vitali (che aveva indicato nella mancanza di una classe dirigente il peccato mortale dell’indipendentismo e dell’autonomismo padano) e Stefano Bruno Galli, ho chiesto perché non si è fatto nulla su questo punto, quando, A COSTITUZIONE VIGENTE, sarebbe possibile alle regioni fare moltissimo, se non addirittura bloccare l’intero sistema, basterebbe chiedere – e le regioni lo possono fare:

1. Attuazione titolo V della Costituzione (art.117) con passaggio alla Regione di tutto il potere organizzativo (1) sulla scuola. strategico

2. Uguaglianza dei finanziamenti sia al settore pubblico che al parificato tramite dote alunno (buono scuola). strategico

3. Assunzione locale del personale scolastico: a livello di distretto o di istituto o di consorzio di scuole. strategico.

In breve, NESSUNA forza politica ha mai chiesto la piena attuazione di quel poco di federalismo scolastico che la costituzione vigente pur contempla!

Ho percepito che a qualcuno la mia domanda dava fastidio. Rilancio, allora, e chiedo, a chi vuole aprire un dibattito: si può essere indipendentisti o anche semplicemente autonomisti e federalisti, e disinteressarsi di scuola, istruzione e università, cioè dei luoghi dove si educano le nuove generazioni e si conserva o si distrugge l’identità?…

Chi è causa del suo mal … Comunisti e ciellini sanno quanto sia importante l’educazione. I colonnelli leghisti erano troppo impegnati con Finmeccanica.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Tax Freedom day. La Cgia: c'è bisogno di federalismo fscale

Articolo successivo

Torino. La "bravata" della violenza: dalla piazza virtuale sul pc alla piazza reale