Vita classe, trambusto da curva Sud

di SERGIO BIANCHINIscuola finita

La ragazzina, figlia di una mia amica, ha appena finito la seconda elementare e sta giocando sul praticello davanti alla casa. “Ti piace andare a scuola?” – le chiedo.

“Abbastanza”- risponde e mi guarda attenta.
“E gli insegnanti come sono?”, continuo.
“Uno è bravo” risponde.
Risposte immediate, rapide, sicure, nette. Sua madre stupita alza gli occhi e segue la vicenda.
“Ma tra i tuoi compagni c’è qualcuno che disturba?-
-“Sì, tre”-
– “E quando disturbano?”
– “Quando l’insegnante spiega”
– “E quando non spiega?”
– “Disturbano lo stesso”
-“Allora c’è sempre casino”- dico io
-“Certo “ . Un “certo” fulmineo.
-“Perché dici certo?” continuo, pensando che poteva anche rispondere soltanto “sì” .
“Perché è vero!” risponde con impeto la bambina che, evidentemente, cerca da tempo una soluzione.
La madre media, dice che sono bambini con problemi familiari e vanno capiti.
Nel corso dell’estate ho parlato con altri due bambini e con i loro genitori, di aree geografiche molto diverse, da Roma a Monza a Milano. Ho sentito anche qualche ragazzo delle superiori. La musica è sempre la stessa: la vita di classe è caratterizza dal trambusto, dalla polemica, dalla tensione, dal caos. Non ugualmente con tutti gli insegnanti: miracolosamente c’è di solito un docente per classe che riesce a gestire, ma con gli altri è il caos. Un bambino di prima elementare racconta della maestra insultata e perfino aggredita da un alunno che salta sui banchi, butta per terra tutti i materiali suoi e degli altri bambini. Anche questo bambino “ha dei problemi familiari”, ma come sempre questo argomento, anziché produrre adeguate formule gestionali, serve ad indurre la generale sopportazione del pazzesco e dell’assurdo. Fino allo sfinimento o all’evento eclatante da cronaca mediatica.
In moltissime classi delle medie e delle superiori si è creata una situazione di compromesso. L’insegnante rinuncia a gestire la classe intera ed opera sui 5 o 6 volonterosi che seduti attorno alla cattedra ascoltano. Da metà dell’aula in poi, ognuno fa quello che vuole: parla, dorme, ascolta musica, esce.
Se i toni della “curva” aumentano troppo l’insegnante, pateticamente indignato, invoca il rispetto del diritto delle minoranze ad apprendere. I cinque o sei volonterosi sono quelli che hanno capito che stando attenti si può evitare lo studio a casa, oppure quelli che essendo in lista nei giorni successivi per l’interrogazione programmata si preparano alla prova. Passata la prova torneranno alla curva, fino alla prossima scadenza.
Invito tutti a sottoporre questi scenari ai giovani di loro conoscenza per accertarne la veridicità che però, almeno inconsciamente, è già nota a tutti.
Passo dopo passo la condizione della vita studentesca è diventata insopportabile, sia per gli alunni, che per gli insegnanti. E non si vedono vie d’uscita. Anzi, di fronte al disimpegno di massa ed alla estinzione del “diabolico” alunno diligente, demonizzato per anni, continua a manifestarsi la tendenza all’aumento del curricolo. Questa tendenza nasce dal sindacalismo e dall’uso improprio dell’impiego statale come antidoto alla disoccupazione. Essa è fatale sul piano della condizione studentesca e perfino ormai della salute mentale dei giovani.
Ci sarebbe la soluzione semplice, non costosa e anzi, portatrice di risparmi virtuosi, rispetto alla drammaticità della situazione. Propongo, allora, alcune semplici idee. Ridurre a 4 le ore di lezione quotidiana, per 5 giorni alla settimana col sabato libero. Sembra assurdo ma sarebbe un «Entrare in Europa», dove, quasi ovunque, è già così.
Le interrogazioni e le prove di verifica potrebbero essere scorporate dalle lezioni del mattino e posizionate in un pomeriggio dedicato. In tal modo le lezioni, riducibili a 45 minuti ciascuna, vedrebbero solo l’esposizione del docente, la conversazione e le esercitazioni di classe. I compiti e lo studio dovrebbero essere consigliati e non prescrittivi. Volendo andare ancora un po’ oltre – ma non sarebbe inizialmente indispensabile -, le prove di verifica almeno una volta al quadrimestre dovrebbero essere di istituto, somministrate e corrette da insegnanti diversi dai titolari di classe.
La scuola dovrebbe essere aperta tutti i giorni della settimana dalla mattina al tardo pomeriggio per ospitare attività opzionali mirate, dal recupero all’intrattenimento, al lavoro di gruppo, allo studio individuale, al gioco, allo sport ed a innumerevoli iniziative legate al territorio.
Sarebbero strumenti organizzativi complessivamente a costo zero, anzi con effetti “risparmiosi” sul bilancio ma potenti come una brezza marina sul clima fetido della scuola.

(da Sussidiario.net)

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Tagliamo corto: l’unica cosa che serve dentro la scuola è la capacità di bocciare chi non è in grado o non ha voglia.
    Il resto è solo fumo negli occhi.
    Deve essere fatta selezione. Non sta scritto da nessuna parte che vanno promossi tutti anche per il rotto della cuffia.
    Ci piaccia o no siamo costretti ad affrontare ogni giorno un mercato globale con gente che viene da ogni angolo del globo: è in corso una guerra basata sulla qualità invece che sul titolo e noi la stiamo perdendo su tutti i fronti.

  2. E’ il bel risultato dell’istruzione obbligatoria di Stato. Una scuola che sa far odiare le cose belle è da abolire senza rimpianti. Lo dice un insegnante in pensione, che se potesse tornare indietro sceglierebbe un altro mestiere.

  3. Distrutta la FAMIGLIA ora contiamo i morti.

    Non ci sono più educatori EDUCATORI.

    I bambini non hanno più tempo per fare i bambini. I genitori li vedono già grandi e famosi.
    Siamo al CIRCO MASSIMO.

    Lo esternavo molti anni fa quando ero rappresentante nella scuola.
    Quindi il problema è vecchio stantio ormai.
    Scrivevo e continuero’ fin che vivrò: l’intellighenzia talibana in particolare è molto malata e si vede appunto i risultati, i frutti.
    La faccenda peggiorera’ perché l’OGM culturale seminato perpetuera’ l’ andazzo.

    Soluzione?

    O DISERBANTE O LA FINE: SAREMMO SOMMERSI DA QUESTE ERBE KATTIVE.

    Ma mi posso sbagliare né…

    Buona pioggia a tutti…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il senatore veneto "assenteista" campione di 3142 missioni

Articolo successivo

Lavoro, prima gli stranieri. Tranne che in Francia, Germania, Gb e Spagna