Doccia scozzese per Londra: Indipendenza, il SI in vantaggio

BANDIERA SCOZZESEdi GIOVANNI D’ACQUINO

Doccia scozzese per Londra. In un sondaggio pubblicato dal ‘Sunday Times’ per la prima volta il SI all’indipendenza appare in sorpasso rispetto agli unionisti.

Realizzato da YouGov, il sondaggio certifica che i favorevoli all’indipendenza dal Regno Unito sarebbero il 51%, rispetto al 49% di quanti sono contrari alla secessione. Certo, resta fuori la platea degli indecisi e degli astensionisti, ma fatta la tara con queste due voci, gli esperti sostengono che comunque il “si” vincerebbe con il 47% e il “no” si fermerebbe al 45.

Il fronte del No quindi perde pezzi, anche per qualche scissione al suo interno. Tutto insomma si gioca giorno per giorno, contando anche sull’affluenza, la prima nella storia, dei giovani sedicenni, chiamati alle urne.

Ma Londra non incassa e basta e passa al contrattacco, per minare gli indecisi. Il ministro dell’Economia, George Osborne, ha infatti annunciato un pacchetto di autonomia per la Scozia, misure pronte ad entrare in vigore se la popolazione scegliesse di rimanere all’interno del Regno Unito. La Scozia, ha spiegato Osborne, avra’ “molta piu'” autonomia in materia fiscale, di spesa e prestazioni sociali. In un’intervista alla Bbc, il cancelliere dello Scacchiere ha spiegato che i principali partiti del Paese -Tory, laburisti e liberaldemocratici- hanno acconsentito ad una devoluzione di poteri su imposte, spesa e welfare.

Il tempo stringe, e Londra trema dopo 300 anni di unione.

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Sondaggio certamente manipolato ad arte per fare reagire gli indecisi ,impaurendoli con le conseguense per una “possibile” vittoria del SI !

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L'Italia di Renzie dichiara guerra alla Russia

Articolo successivo

Per non dimenticare Grillo secessionista...