Italia inabissati! Schettino-Party senza vergogna

di ROBERTO BERNARDELLIschettino

La parola vergogna non esiste più nel vocabolario di questo Paese che ci imprigiona. Tutto è concesso nello Stato degli impuniti, che sfidano anche la morte, tanto si sentono eternamente Dei degli abissi. Mentre il mondo ha puntato i fari sulla processione funebre della Concordia, già di per sè  simbolo dell’Italia incagliata senza ritorno nel mare del pressapochismo, dell’inchino, dell’ossequio al più forte e dello scaricabarile che uccide vittime innocenti, noi abbiamo dovuto sopportare anche l’umiliazione di quelle immagini. Il super comandante Schettino in camiciona bianca da party isolano che festeggia circondato da gnocche, l’estate partenopea. Ma per favore! Eterni galleggianti, che restano sempre in superficie. Avete presente?

Abbiamo visto i volti di chi ha perso l’altra metà della propria vita, la moglie, i figli, intere famiglie inghiottite nelle tenebre e ci bastava già questo girone dantesco per definire questa apocalisse come la peggiore immagine che consacra lo stile italiano, pummarola e timone. Il tragitto della Concordia, il suo secondo corteo verso il cimitero della memoria, per lo smantellamento di tutto, tranne che dello sdegno, per sigillare col silenzio il dolore, in realtà ha fotografato il suo secondo inabissamento, contro lo scoglio Schettino.

A Ischia, il quotidiano dell’isola, “Il Golfo”, lo ha immortalato felice al party svoltosi sabato sera scorsa in una villa privata di Forio. Massì, festeggiamo. Da una parte il fango e le ossa, dall’altra il relitto della dignità perduta, mentre il comandante in capo celebra l’indifferenza al White Party di Ischia. La vita va avanti, è vero, ma chi l’ha detto che il senso di giustizia e del pudore devono indietreggiare? Schettino, circondato da un popolo nobile curioso e ammirato, a sua volta a fare l’inchino alla star del Giglio. Questa è l’Italia. Italia da schifo.

Come non fosse accaduto nulla, principe degli scogli, Schettino è disinvolto mentre se la gode con la borghesia del mare, quella che non è rimasta sommersa nel viaggio della vita, una crociera da raccontare.

Che dire a chi si difende sostenendo che contro gli scogli c’è finito perché gli ufficiali hanno eseguito male i suoi ordini?

Tutto a posto, stappa il prosecco a Ischia, mangia la tartina che ci beviamo sopra. Divani eleganti e lusso che non subisce le correnti, che non diventa rottame e che non inquina. Alla fine, è proprio vero, la verità viene tutta a galla. C’è la prima, la seconda e la terza classe. Era già tutto segnato nel destino: Italia da schifo. Neanche davanti ai morti, caduti per mostrare il petto gonfio della nave, c’è quel passo indietro davanti al mistero di una fine. Ci resta solo la barbarie.

Roberto Bernardelli, presidente Indipendenza Lombarda 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La barbarie? L'immunità ai padreterni e l'impunità dei magistrati

Articolo successivo

Primarie, caos in Veneto