Sbarchi, legittima difesa… Siamo praticamente in guerra, legati, senza poter reagire

legittima-difesadi GIANLUIGI LOMBARDI CERRI –  L’Italia, dalle sue origini , è stata sempre interventista,molto bellicosa , ma opportunista. Oggi è diventata anche vigliacca. Facciamo una premessa che è bene che I pacifiati italioti si piantino ben salda in mente.

-L’ Italia le guerre non le ha mai subite: le ha sempre dichiarate! Alla faccia del pacifismo.

-L’Italia le guerre , salvo la guerra di Libia e la guerra di Etiopia le ha sempre vinte per merito altrui. Ricordo ,però, che la guerra di Etiopia l’ha vinta contro soldati scalzi e armati prevalentemente di scudi e lance, grazie all’utilizzo di gas asfissianti. E la guerra di Libia è stata una guerricciola contro tribu’ beduine.

Oggi lo spirito bellicoso continua imperterrito , sempre corredato da dichiarazioni di pacifismo. Però dato l’enorme coraggio di cui la Repubblica è dotata si sta possibilmente il più possibile fuori dalla mischia e  le missioni ,cui si partecipa armati sino ai denti  sono denominate missioni di pace.

Con questo curriculum sarebbe opportuno che gli intellettuali italioti si astenessero dal criticare gli atteggiamenti altrui e, sopratutto, dal dare suggerimenti mai richiesti , all’universo mondo. Ma le perle  continuano. Siamo invasi da persone che solo in esigua minoranza fuggono da paesi in guerra non voluta da loro. Anzi oserei dire addirittura che NESSUNO  sta fuggendo da una guerra non auto prodotta.

Transeat!

E chi fugge da queste guerre ? Penseremmo che , logicamente , dovremmo trovarci invasi da vecchi, da donne e da bambini . Invece sono prevalentemente giovani “in carne”,  pronti ad essere chiamati alle armi. Ma ci fermiamo qui perchè il discorso ci porterebbe lontano. Veniamo più specificatamente a noi.

Un mondo : il mondo islamico ( almeno così si dichiara ad ogni piè sospinto) ci ha dichiarato e ci continua a dichiarare guerra. Non supponiamo che la dichiari . La dichiara senza ombra di dubbio.

La pratica attraverso azioni belliche letali. La pratica contravvenendo a tutte le norme internazionali vigenti da sempre. La pratica con combattenti “in borgese”, ossia non facilmente identificabili. Non fa discriminazione tra nemici combattenti e nemici inermi.Nonostante queste caratteristiche inconfondibili l’Europa e la sempre bellicosa italia abbozzano.

Si mordono la lingua per non pronunciare la parola islamico, preferendo , in anteprima la più generica parola “assassini” o, al più “terroristi”. Continuano imperterriti, gli italioti, ad affermare che a difenderci dovrebbe essere l’Europa. Davanti ad una Europa che comincia a preoccuparsi e inizia ad erigere barriere , continuano  a dire che non bisogna erigere barriere, ma ponti. E sono quegli stessi che per anni hanno sostenuto la validità dell’insanguinato Muro di Berlino.

Adesso , davanti ad una indignazione crescente chi ci governa e sfrutta ha messo al posto di un “simil pagliaccio” un Ministro ,Minniti, che non è un super eroe, nè un supergenio , ma che a confronto del suo predecessore appartenente allo stesso schieramento, appare come stellare.

Per ottenere che ( almeno sinora)? Siamo dotati di forze armate “terribili”, almeno a parole e ad euro spesi. Eppure quando degli scafisti hanno sparato raffiche di mitra contro un mezzo militare , il mezzo ha accelerato portandosi fuori tiro perchè “non si sa mai” .

Che finisca come nel mar Rosso dove tutti sparano , uccidono, e nessuno dice beh, salvo a noi che per cavarcela abbiamo pagato milioni di euro e abbiamo porto le terga riverenti? Credo che il giorno, non lontano, che qualcuno fornirà armi ai giovani poveri migranti , diremo che è giusto che le abbiano avute per poter andare a caccia e sfamarsi.

Morale della favola. Se oggi un tizio mi spara un pugno in mezzo alla faccia dicendo che me ne darà ancora a volontà (sua) dirò che mi ha aggredito perchè era nel suo diritto e per dipiù gli invierò un prete (possibilmente Papa) per convincerlo che ha ragione . Sempre ragione come una volta aveva Mussolini. Detto “il Duce”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il neopatriottismo salviniano non salva le imprese dalle tasse. Anzi, dice: viva Roma

Articolo successivo

Grande Nord? Da La Stampa, 6 novembre 1975: accordo tra Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto ed Emilia per superare la crisi è “improcrastinabile”