Sardegna “tax-free”, come Livigno e Campione d’Italia

di REDAZIONE

Con la delibera del Presidente della Regione, Ugo Cappellacci, e la comunicazione ufficiale inviata alla Commissione Europea, al Consiglio dei Ministri e alle Dogane, il territorio sardo ha dato una svolta epocale alla sua economia. “Entro il termine perentorio del24 giugno 2013 – viene riportato nei documenti – ..la Regione Autonoma Sardegna ha stabilito l’attivazione del regime doganale di zona franca

Adesso infatti gli abitanti dell’isola stanno aspettando solamente la ratifica ufficiale ovvero il riconoscimento dalle Dogane per tagliare i prezzi e far sparire le accise sul carburante. Si tratta dello stesso documento che è stato rilasciato al Comune di Portoscuso, diventato zona franca alcuni mesi fa.

Che cosa ha spinto la Regione a deliberare Sardegnaterritorio tax free”? La crisi economica che ha immobilizzato i consumi, il turismo e l’edilizia.

Sfruttando il Trattato di Lisbona e ilDecreto legislativo 75 del 1998 che permette alle Regioni a Statuto speciale di diventare “zona franca” al pari di Livigno o Campione d’Italia, 240 amministrazioni comunali sarde hanno deliberato in sede di consiglio comunale la loro volontà a trasformarsi in piccoli “paradisi fiscali”. E la delibera regionale del 7 febbraio non è stato che una conseguenza naturale della “rivoluzione pacifica dei comuni sardi”.

Molti imprenditori sperano che questa delibera diventi presto legge e che la Sardegna diventi uno di quei paradisi fiscali come tante isole nel mondo. In un’isola così depressa economicamente sarebbe un vero e proprio toccasana, e anche tutta l’Italia ne gioverebbe. Pensiamo solo quanti imprenditori dall’estero sposterebbero qui ed investirebbero qui i loro capitali.

La Sardegna é un’isola meravigliosa che potrebbe trovare un gran giovamento da questa idea. Staremo a vedere come va a finire, anche se attuare questa idea sembra piuttosto difficile, e si sa, in campagna elettorale se ne dicono tante…

FONTE ORIGINALE: news.panorama.it

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Scusate ma chi scrive questi articoli? Perché sono chiari alcuni punti : primo chi scrive non è informato bene o se lo è allora e’ in cattiva fede . Dire che il comune di Portoscuso e’ zona franca da diversi mesi e’ errato poiché a Portoscuso e’ stato concesso un punto franco per merci ESTERO SU ESTERO .. Con sviluppo economico e occupazionale tutto da verificare . Attribuire azioni eroiche al Presidente della regione Sardegna per una lettera di richiesta d’istituzione di zona franca in Sardegna alla Comunità europea senza una delibera di giunta di consiglio o altro atto e come scrivere a Babbo Natale la letterina dei regali desiderati !! Siamo seri per cortesia che forse e’megluo per tutti !!!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Tempesta perfetta: Napolitano non può sciogliere le Camere. Senato spaccato

Articolo successivo

Di Pietro trombato, ma non molla la sua nuova auto blu