Sanità del Nord – Il nuovo ospedale di Alessandria, poche certezze per il territorio

“La trasferta alessandrina dell’Assessore Icardi sarà ricordata per l’annuncio della realizzazione di una nuova struttura ospedaliera nel capoluogo, ma dopo il grande evento nella sala di rappresentanza dell’Azienda ospedaliera alessandrina di mercoledì 18 maggio si pongono da più parti alcune domande”. Inizia così la nota di Grande Nord Piemonte sull’opera annunciata.

“310 milioni di euro”, scrivono, ma che per il Presidente della Regione, scrive il movimento, “sono già stati stanziati”, mentre per l’Assessore non lo sarebbero ancora. 

“Manca il progetto – viene criticato – Si annuncia in grande stile un nuovo grandioso ospedale … mentre la ventilata destinazione agli Orti, data per certa fino a pochi giorni fa, è solo una delle opzioni sul tavolo”.

“Da più parti si è fatto osservare che una tale somma sarebbe più che sufficiente a recuperare ed ammodernare l’attuale ospedale integrandolo con l’ex psichiatrico che lo fiancheggia, mantenendo così una struttura inserita nel tessuto urbanistico cittadino; in caso di realizzazione di una nuova struttura che ne sarà degli edifici che ospitano oggi le strutture ospedaliere?”. 

“Infine un discorso va fatto in chiave territoriale: la costruzione dell’avveniristico nuovo ospedale non potrà che portare ad ulteriori depotenziamento dei centri minori della Provincia.

Confrontando questa situazione con quella che in altre aree del Piemonte – VCO in primis dove da vent’anni si discute della realizzazione di nuovi ospedali senza realizzare niente – c’è da pensare che la presenza dell’Assessore Icardi ad Alessandria sia stata al massimo una presenza di supporto alla campagna elettorale del Sindaco Cuttica”, si interroga in modo critico Grande Nord Piemonte.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Vaiolo, Bassetti: Evitare nuova psicosi

Articolo successivo

Grande Nord, il candidato sindaco Mariani presenta la lista per Monza