Grazie a Monti, pensioni e stipendi pignorabili al 100%!

di http://www.rainews24.rai.it

Brutte notizie per i lavoratori dipendenti e per coloro che percepiscono la pensione.  Nelle pieghe del Decreto Salva Italia si rileva che sarà possibile da parte di eventuali creditori ottenere il pignoramento della pensione (cosiddetto pignoramento presso terzi). I pensionati rischieranno così di perdere tutta la rata mensile e non più solo un quinto, come previsto dal codice di procedura civile.

Lo stesso allarme è scattato anche per chi vive di busta paga. Il d.l. riguarderebbe infatti pure i lavoratori dipendenti percipienti salario mensile in busta paga. Sostanzialmente sarebbe stato legalizzato il superamento del limite del “quinto pignorabile” previsto invece dal codice di procedura civile.

Fermo restando quanto previsto dalle norme, è stato semplicemente trovato un escamotage che consente di rivalersi per intero, grazie al fatto che, da dicembre 2012, anche pensioni e stipendi, se superiori ai mille euro, non sono più pagabili in contanti ma esclusivamente tramite conto corrente bancario, postale o libretto di risparmio.

A partire dal mese di dicembre dello scorso anno, in coincidenza col pagamento della tredicesima, l’obbligo di accredito sul conto si è esteso a gran parte dei lavoratori dipendenti e dei circa 16 milioni di italiani che percepiscono una pensione giacchè molti di loro hanno superato il limite di legge.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Per chi si troverà in queste condizioni, consiglio di distrarre almeno i soldi per comprarsi una pistola…
    E pensare che ero un pacifista…

    Ducato di Modena

  2. Questo si sapeva già comunque non si saprà abbastanza fino a quando non accadrà per davvero ad un po’ di gente. Lì mi aspetto finalmente che si tirino fuori le armi per qualcosa di più serio che non un derby del cazzo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Formigli e Sortino, la coppia che sogna il soviet dei lavoratori

Articolo successivo

CON IL MES, DA QUEST'ANNO, TITOLI DI STATO A RISCHIO DECURTAZIONE