Salerno-Reggio Calabria, lo Stato imprenditore più disastroso di tutti i tempi

salernoreggiorassegna stampa

di PAGELLA POLITICA DI AGI – Silvio Berlusconi, nel discorso scritto in vista del suo intervento del 23 settembre a Fiuggi, nell’ambito della kermesse organizzata da Antonio Tajani “L’Italia e l’Europa che vogliamo”, ha duramente criticato il ritorno delle nazionalizzazioni portato avanti dal governo e soprattutto dai Cinquestelle.

Per quanto riguarda Autostrade, in particolare, ha affermato: “Volete sapere qual è il maggior tratto autostradale in Italia oggi gestito direttamente dallo Stato, attraverso l’Anas? È la Salerno-Reggio Calabria, un modello che credo nessuno vorrebbe imitare”.

Si tratta di un’affermazione corretta.

Le autostrade di Anas

Anas (Ente nazionale per le strade) è una società per azioni con un unico socio. Fino al gennaio 2018 era il Ministero dell’Economia e delle Finanze, successivamente lo è diventato il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane (anche se il governo in carica sembra intenzionato a disfare questa fusione. In ogni caso era e resta una società pubblica.

Anas ha in gestione diretta circa 940 chilometri di autostrade (senza contare i raccordi, coi quali si arriverebbe a poco meno di 1.300 km) su un totale di 6.943 km di rete autostradale italiana complessiva.

La Salerno-Reggio Calabria

Tra tutte le autostrade controllate da Anas la Salerno-Reggio Calabria, chiamata “A2 – Autostrada del Mediterraneo” dopo l’inaugurazione del dicembre 2016, è indubbiamente la più lunga.

Con oltre 432 chilometri di percorso, la Salerno-Reggio Calabria (A2) è lunga più del doppio della Palermo-Catania (A19), seconda in questa classifica con più di 191 km di percorso, e quasi il quadruplo della Palermo-Mazzara del Vallo (A29), terza con poco meno di 115 km. Tutte le altre autostrade in gestione diretta di Anas non arrivano ai 100 chilometri.

Le criticità

La Salerno-Reggio Calabria è un esempio di cattiva gestione da parte dello Stato, come afferma Berlusconi. Sono infatti serviti 55 anni per completare meno di 500 km di autostrada, tra promesse mancate, ritardi e rinvii.

Durante questo periodo si sono registrati gravi casi di corruzione, come denunciato anche dal presidente dell’Autorità nazionale anti-corruzione, Raffaele Cantone, e infiltrazioni mafiose, in particolare della ’ndrangheta calabrese.

Conclusione

Berlusconi ha ragione: il tratto più lungo di autostrade gestito dallo Stato, tramite Anas, è la Salerno-Reggio Calabria. Non un esempio, come abbiamo visto, di buona gestione.

Volete sapere qual è il maggior tratto autostradale in Italia oggi gestito direttamente dallo Stato, attraverso l’Anas? È la Salerno-Reggio Calabria, un modello che credo nessuno vorrebbe imitare
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

"Migranti, flop rimpatri nel 2018. Minniti più «duro» di Salvini"

Articolo successivo

Kein Deutsch, keine Sozialleistungen!   Niente prestazioni sociali a chi non sa il tedesco!