Saldi a Milano? Il 25% in meno. Impotenti davanti a saccheggio della politica improvvisata

Partenza sottotono per i saldi invernali di Milano, con le vendite al -25% rispetto alla prima giornata di sconti del 2020. E’ quanto emerge dai riscontri della rete associativa vie di Confcommercio Milano. “Questa stagione di saldi si annuncia difficile: nelle rilevazioni odierne si confermano le previsioni non ottimistiche della vigilia”, ha detto Gabriel Meghnagi, presidente della rete associativa vie della Confcommercio milanese. Lo scontrino medio si attesta sui 74 euro con una percentuale media di sconto vicina al 40%, con il 57% dei prodotti messi a saldo. “Oltre all’effetto Covid, con l’assenza di turisti e compratori stranieri ed un clima generale con poca fiducia e scarso entusiasmo da parte della clientela, oggi – ha concluso Meghnagi – ha certamente influito anche l’avvio infrasettimanale non favorevole rispetto al sabato”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Zaia, stoppare forniture vaccino a chi le tiene in magazzino. Per chi è il messaggio?

Articolo successivo

Mercatone Uno. 1300 lavoratori a casa