MARIO MONTI, IL SACCO DEL NORD E L’EVASIONE FISCALE

di MATTEO CORSINI

Ho lasciato un po’ a decantare questa perla del premier Mario Monti per vedere se rileggendola dopo qualche giorno la mia impressione migliorasse. Eccola: “Noi cittadini dell’Italia settentrionale e lombardi siamo spesso penalizzati a causa di sacche di evasione che si annidano forse in altre parti del Paese”. Ma è peggiorata. D’altra parte, col tempo migliora solo il buon vino, non quello scadente.

Probabilmente Monti ha preso spunto da decenni di storia democristiana, oppure dal suo mentore, colui che lo ha nominato senatore a vita e lo ha messo al posto di Berlusconi per “salvare l’Italia”. Ha voluto, cioè, tentare di compiacere il pubblico presente, dato che parlava a Bergamo. Così, prima ha ripetuto i soliti luoghi comuni contro l’evasione fiscale – d’altra parte parlava alla scuola della guardia di finanza – però ha poi tentato di strizzare l’occhio al pubblico locale, sostenendo che i cittadini settentrionali e lombardi sono penalizzati da “sacche di evasione che si annidano forse in altre parti del Paese”.

Se lo avesse detto chiunque altro, si sarebbe scatenato il classico putiferio meridionalista politicamente corretto, ma Monti, come il suo mentore, gode presso la stampa mainstream di una sorta di licenza di dire qualsiasi cosa senza attirare la benché minima critica, ancorché ultimamente vada lamentandosi di essere criticato dal Corriere e di essere stato scaricato dai poteri forti. Il presidente del Consiglio ha peraltro detto una ovvietà, ben documentata, tra gli altri, da Luca Ricolfi nel libro “Il sacco del nord”.  Una ovvietà che, proprio perché tale, viene spesso rigettata senza entrare nel merito dal meridionalismo politically correct di cui sopra.

Se così stanno le cose, non si capisce però per quale motivo la guardia di finanza dedichi maggiori sforzi nella lotta all’evasione al nord rispetto al resto d’Italia. Ho il sospetto che, banalmente, le fiamme gialle vadano dove è più facile raccattare denaro per lo Stato (chi si comporta così di solito?). Mi piacerebbe che questo sospetto fosse smentito dai fatti, ma dubito che ciò sia possibile.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

I VENETI PRENDANO L'INIZIATIVA. COI MOVIMENTI NON SI VA LONTANO

Default thumbnail
Articolo successivo

SIGNOR PRESIDENTE, IO NON MI SENTO PIU' ITALIANO