Rsa, visite vietate in Lombardia?

“Regione Lombardia ed Ats intervengano per tutelare i diritti e la dignità degli anziani. I ritardi registrati nell’avvio della campagna vaccinale e l’incertezza sulla capacità e sui tempi della copertura per gli operatori socio sanitari, in particolare del privato, non aiutano”. Così Valerio Zanolla segretario della Cgil Spi Lombardia in merito all’ipotesi di un nuovo stop alle visite dei parenti nelle Rsa. “Ci chiediamo – continua – se davvero non sia possibile continuare a mantenere la vicinanza dei parenti nel rispetto delle norme che già esistono o se invece sia più facile evitare di assumersi le proprie responsabilità da parte di chi deve gestire una struttura socio sanitaria”.

“Certo, la continua crescita dei contagi e dei ricoveri ospedalieri preoccupa anche noi – afferma Zanolla -, ma siamo preoccupati anche dello stato di salute complessivo degli anziani ricoverati, spesso privati dei necessari livelli di assistenza e di riabilitazione, e del fatto che l’assenza degli affetti familiari prolungata per così tanti mesi, in particolare per la tipologia di pazienti che si trova all’interno delle Rsa, rischia di essere altrettanto pericolosa quanto il virus”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Bernardelli: 1 miliardo in meno nel settore eventi. E tutti stanno a guardare il funerale

Articolo successivo

Anticipazioni, secondo Report "Un nuovo conflitto d'interessi in Regione Lombardia"