Rocchetta e Chiavegato: l’Italia occupante deve andarsene dal Veneto

di REDAZIONE

«Secede chi si stacca da un corpo unitario, ma nel nostro caso è l’Italia che deve andarsene dal Veneto». Lo ha detto l’ex parlamentare Franco Rocchetta, coinvolto nell’inchiesta sui secessionisti, intervistato dalla trasmissione di Canale 5 ‘Matrix’. «Sono stato in galera 17 giorni in forza – ha proseguito il leader venetista – di un’interpretazione fascista di norme che sono indegne dell’Unione Europea». Quanto al ‘tankò, il trattore trasformato in carro armato artigianale dagli indagati nell’inchiesta bresciana, Rocchetta ha sostenuto che «non era un carro armato, ma uno strumento rituale».

Un altro fra i volti più noti fra i coinvolti nell’inchiesta, Lucio Chiavegato, liberato dal carcere venerdì scorso, ha partecipato stamane in Basilica a Venezia alla messa solenne per la giornata del patrono della città, San Marco. «Abbiamo invocato la protezione di San Marco perchè ci renda liberi da questo Stato occupante» ha detto Chiavegato , che ha preso parte assieme alla moglie alla cerimonia officiata dal patriarca Francesco Moraglia.

Print Friendly, PDF & Email

11 Comments

  1. LA mia critica a Rochetta e Caghievato ,era solo politica,e ho parlato di loro due perchè sono quelli che credo di conoscere politicamente di piu’,qui non si tratta di dividere ,ho altro.Poi quando erano in Prigione ho chiesto la loro Liberazine ,come di TUTTI gli altri.Spero che dalle loro esperienze ne abbiano capito alcuni errori..Quindi non c’è niente di personale..

  2. Cari pseudo secessionisti e infiltrati vari . . . . . . .

    Con i vostri “commenti” non fate altro che esprimere l’ignoranza più turpe che si annida nelle popolazioni del nord di questa italietta. Per l’ennesima volta si realizza la pochezza del “tutti contro tutti” dove l’occupante ride e vi lascia fare. La storia non vi ha insegnato proprio niente: più siamo divisi e più i “furbetti” del centralismo romano se la ridono e continuano imperterriti a fare quello che vogliono.

    Si può non essere in accordo con la “lega” ma, per Dio, smettetela di considerarla un nemico. Ha commesso errori, avrà fatto anche puttanate, ma NON è certamente lei il nemico.

    Il VERO NEMICO sono i vari PD, PDL, FI, NCD, FdI, Sel ecc.

    Quindi, per cortesia usate il cervello!

  3. SI POSSONO FARE ERRORI ..IN BUONA FEDE…E CHIAVEGATO E ROCCHETTA….LI STANNO PAGANDO…..PERO’ UN ERRORE SARA, IMPERDONABILE….AVERE CONTATTI CON LALEGGA NODDE DI VIA BELLERIO…LA CASTA AMICA DEL CENTRALISMO …SOTTOBANCO….

  4. Condivido la preoccupazione riguardo il fidarsi o a dar credito alle gerarchie ecclesio-vaticane che sono il braccio religioso dello shdado idalliano.

  5. BASTA DISTINGUO, SOTTO KO NA BEA GRAN MASA DE SERENISIMI VENETHI..!

    KO SE MOVE UNO GA DA MOVARSE TUTI..!!

    DESO SARIA ORA DE FAR COME FA EL TRENO KE EL SE GA MESO IN MOTO DIXEO SU NALTRO POSTO… CO SE MOVE EA MOTRICE SE MOVE TUTI I VAGONI E I VA AEA STESA VEOSITA’..!!

    QUINDI..???

    BASTA FAR BARUFETE E DISKUSION DA TOXATEI E TOXATEE.

    STEMO UNO VISIN DE KEALTRO… FIN KE RIVEMO AEA DESTINASION..!!

    Se no ea kapimo i ne fara’ fora a breve..!

    Deso spenxemo par LUIGI FACCIA… o ghe ne xe dentro altri ancora??

    Varde’ che VOER XE PODER..!

    Senpre sensa VIOENSA, me rakomando..!

    PSM
    WSM

  6. Eugenio è il classico indipendentista veneto che ha più a cuore criticare i compagni di strada che raggiungere l’obiettivo.
    Senza attaccabrighe come lui la Liga Veneta, nata ancora con Tramarin e, a Verona, Selmo, oggi sarebbe non solo il primo partito veneto, ma avrebbe probabilmente raggiunto tangibili traguardi (non dico di più per prudenza).
    OGGI PARE CHE LA LEZIONE SIA STATA IMPARATI DA MOLTI, SPERIAMO.
    GRANDE MERITO A BUSATO CHE CI HA FATTO CAPIRE COSA POTREMMO FARE E ALLA MAGISTRATURA ITALIANA, CHE CI HA REGALATO DEI VERI PERSEGUITATI, COME AI TEMPI DEI SERENISSIMI.
    MA LUIGI FACCIA STA ANCORA IN GALERA E NESSUNO LO RICORDA, NEANCHE QUI.
    DOBBIAMO RICORDARLO E SOSTENERLO.
    SE UN GIORNO RAGGIUNGEREMO LA NOSTRA LIBERTÀ LO DOVREMMO PRINCIPALMENTE A QUELLI COME I SERENISSIMI, LUI E GLI ALTRI ARRESTATI SI SONO MESSI IN GIOCO DAVVERO.
    VIVA SAN MARCO PAR TERA E PAR MAR.

  7. Francesco Moraglia anti indipendentista pro italiano (bisogna essere riconoscenti a chi li mantiene) e per giunta genovese calato a Venezia – semo proprio in bone man……

  8. IL Buon ROCCHETTA dopo 40 da politico non ha conbinato niente,il Comandante CAGHIEVATO,dopo avere fondato il Movimento 9Dicembre ,per cambiare l’ITALIA ,dopo un mese ,si accorge che questo Movimento lo stanno prendendo in mano i Nazionalisti Italiani (FORZA NUOVA e Casa Paund ) erano i piu numerosi ed Organizzati,ed allora torna a casa con la coda tra le gambe e ritorna su i suoi passi .adesso vorrei vedere se qualcuno ha qualche cosa da dirmi? Specifico che non sono un Italiano ,ma un INDIPENDENTISTA VENETO.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Non versa Iva per 320mila euro: assolto per "circostanze eccezionali"

Articolo successivo

Ucraina, sale la tensione ad Est. Putin: "Atti gravi". Obama: "Sanzioni"