Rizzi: tagliare la burocrazia per togliere potere di vita e di morte allo Stato

MIGLIOdi Monica Rizzi – In un evento culturale estivo ospitato a Cortina d’Ampezzo, Carlo Cottarelli, l’ex responsabile della spending review, sosteneva che il male da estirpare prima di tutto è la burocrazia. Cioè l’apparato che governa in silenzio. Ha ragioni da vendere. Persino il dossier Caritas l’altro giorno ha evidenziato che accanto al pane che manca il problema di chi chiede aiuto è liberarsi dallo strangolo statale della burocrazia.

 

Schermata 2019-07-29 alle 14.21.48

Cottarelli aveva indubbiamente centrato il cuore del problema. E lo ribadiva.

Schermata 2019-07-29 alle 14.26.22

Il governo ha in programma di rendere leggero questo Stato? Non ci pare. La priorità è sfornare decreti sicurezza. Importanti, ma da soli producono solo facile e immediato consenso. Non cambiano la struttura centrale e periferica dell’Italia,che resta centralizzata e vincolata al potere delle seconde file nascoste negli uffici. Veri plenipotenziari, dominus dei processi di blocco dei cambiamenti.

Altro che autonomia, federalismo, poteri alle regioni. I garanti che conservano lo status quo e garantiscono ai politici lunga vita purché nulla cambino, restano al loro posto, a tempo indeterminato. Sono parte di quell’esercito di pidocchi che ci costa la conservazione dello Stato così com’è.

Monica Rizzi – Segretario federale organizzativo Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Crisi da Covid-Boom del credito su pegno. Uno su quattro impegna i gioielli di famiglia

Articolo successivo

Autoscontro, il governo ha decretato il fallimento dei concessionari