Rizzi: Brescia da zona rossa ma non succede nulla. Ancora in testa ai contagi lombardi

di Monica Rizzi – Sono Brescia e Milano le due province lombarde maggiormente interessate dall’incremento di casi di Covid-19: nel Bresciano i nuovi positivi sono oggi 704, nel Milanese 649, di cui 271 nella citta’ capoluogo. Seguono Monza e Brianza con 279 nuovi casi e Bergamo con 184. Incremento a tre cifre anche nelle province di Pavia (+131) e Como (+105). In provincia di Mantova i nuovi positivi sono 83, in quella di Cremona 79, Varese e Sondrio fanno registrare entrambe +70, Lecco +66. Incremento minore in provincia di Lodi, con 30 nuovi casi. Lo si apprende dal bollettino sull’andamento della pandemia di Regione Lombardia.

Ma è Brescia ad avere numeri da zona rossa senza però che accada nulla nonostante abbia quasi un terzo dei nuovi casi dell’intera Lombardia (2.514).  Con più di 250 contagi settimanali per ogni 100 mila abitanti, dovrebbero scattare restrizioni ma appunto non ci sono segnali in questa direzione. Eppure Brescia si sta avvicinando a quota 300. “L’indice di contagio Rt è prossimo all’1,20, ci sono in media sei decessi al giorno e tornano a crescere i ricoveri negli ospedali tanto che   è stato chiesto il trasferimento di sei pazienti al «Papa Giovanni» di Bergamo”, ricorda esterrefatto persino il Corriere della Sera.

Che si aspetta?

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Le Regioni al Governo: dovete far produrre i vaccini in Italia, laboratori ci sono

Articolo successivo

Crisanti, dopo un anno di Covid non abbiamo ancora imparato