Rivolta del 9 dicembre: il laziale Calvani e il governo dei militari

di CARLO CAGLIANI

Si è consumata la rottura fra il “Coordinamento 9 dicembre” ed uno dei suoi fondatori, Danilo Calvani, di Latina, responsabile dei Comitati Riuniti Agricoli. Ovviamente, la stampa non ha potuto ignorare, e cavalcare, la vicenda. Ieri sera, durante il programma tv “Piazzapulita”, Calvani è stato messo a confronto con Lucio Chiavegato (Presidente della L.I.F.E. Veneto), nonchè anima pure lui del gruppo che ha iniziato, lo scorso 9 dicembre, la rivolta che ha paralizzato mezza Italia e che continua a presidiare le strade.

Motivando le sue ragioni – dopo precisa domanda del conduttore di la 7, Corrado Formigli, Chiavegato ha addotto ragioni di organizzazioni che non coincidevano più, problemi di ordine pubblico nell’organizzazione della manifestazione a Roma che si dovrebbe svolgere domani e dichiarazioni poco condivisibili di Calvani rimbalzate su tutti i media. Quale di queste in particolare? Una: “La necessità di un governo provvisorio retto dai militari”.

Calvani, in collegamento con lo studio – dove Chiavegato era ospite – ha smentito categoricamente tale affermazione, frutto di strumentalizzazione da parte dei giornalisti. E’ davvero così? Calvani non ha nulla a che vedere con tale affermazione (poi ripresa da giornali, radio e tv?). In Rete, si trovano diverse testate e blog che riportano le affermazioni di cui sopra dell’ex leghista dell’agropontino, ma la risposta definitiva arriva direttamente dalla pagina Facebook di Calvani, nella quale – riportando uno scritto inerente il “Perchè della protesta del 9 dicembre” si legge – nel paragrafo intitolato “Cosa vogliamo” – quanto segue: “Che l’attuale classe politica, presidente della repubblica compreso, istituzioni infiltrate dai partiti ladroni, si dimettano ed abbandonino le posizioni. Da quel momento vi sarà un periodo transitorio in cui lo stato sarà guidato da una commissione retta dalle forze dell’ordine trascorso il quale si procederà a nuove votazioni”.

Tale affermazione è ancora oggi pubblicata sul social-network, come dimostrato dai due screen-shot che pubblichiamo qua sotto. Questi i fatti. Ai lettori i commenti.

IMMAGINI (clicca e ingrandisci)

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Si è costituita l'Unione dei Comitati Siciliani di Indipendenza Nazionale

Articolo successivo

Auguri a tutti, e che il 2014 sia un anno cruciale verso l'indipendenza!