Rimpatri 2019 come anni precedenti. Questo non è governo di fenomeni

rimpatridi ANGELO VALENTINO – Rimpatri, espulsioni, il governo dei record? Anche no. “Dall’inizio dell’anno sono stati fatti 26 voli charter (per i rimpatri; Ndr), 4 per l’Egitto, uno per il Gambia, 4 per la Nigeria e 17 per la Tunisia, che hanno portato all’espulsione di 566 persone in 6 mesi”. Questi i dati esposti da Mauro Palma, Garante nazionale dei detenuti, in commissione Affari costituzionali della Camera durante un’audizione nell’ambito dell’indagine conoscitiva in materia di politiche dell’immigrazione, diritto d’asilo e gestione dei flussi migratori.

Ma sono di più o di meno rispetto ai precedenti governi?
Ecco accontentata la curiosità. “Le persone rimpatriate in questo semestre – specifica – sono 2.839, in linea con quanto avvenuto negli anni precedenti. Essendo un semestre, e’ presumibile che anche quest’anno saremo sui 5.600/6.000 persone rimpatriate”.

In altre parole, i 500mila clandestini o indesiderati sono ancora in giro. “Per l’espulsione di 566 persone con voli charter sono stati impiegati 1.866 operatori. Capite bene il rapporto tra l’effettivita’ di un’operazione e l’impiego di risorse, anche umane, che essa comporta”.

Beh certo, ma questo dimostra la potenza, l’efficacia della persuasione politica, è illusionismo puro. Far credere che dal cilindro esca di tutto e che dentro il magico armadio possa sparire ogni cosa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Olimpiadi 2026, Veneto il brocco della squadra?

Articolo successivo

Caso Capitana Sea Watch, perché Salvini vince la lotteria senza fare rimpatri