L’arte della dissimulazione araba…

parigi terrorismodi MARCELLO RICCI –Dopo la strage di Charlie Hebdo tutti  gridarono siamo tutti Charlie! Paghi del grido di dolore, tranquilli e contenti. Oggi, dopo la strage  di Parigi, tutti di nuovo gridano: siamo tutti Parigini! Bel gesto di solidarietà, bello quanto inutile. Dopo aver accolto un esercito di islamici clandestinamente migrati con tutti gli onori e i conforti, ci si meraviglia che gli stessi facciano il loro mestiere ovvero quello che il Corano gli impone. Il problema non sono i credenti, ma il credo.  I credenti musulmani, non fanno distinzione tra religione e politica. Non a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio. La legge coranica è unica per la sfera politica e per quella spirituale.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

L'ONOREVOLE BERNARDELLI, PRESIDENTE DI INDIPENDENZA LOMBARDA, questa sera a Telelombardia a Forte&Chiaro

Articolo successivo

Il suicidio dell'Europa 3/ L'assedio di Vienna sventato da polacchi e ungheresi