Renzi supera Andreotti. Con un voto, senza votare, fa fuori il Cav e la Lega

di REDAZIONErenzi

Ha ricompattato il partito, ha reso inutile Berlusconi, ha messo a nudo il vuoto politico della Lega, fuori dal gioco del Quirinale, che ha persino candidato un non federalista… Insomma, Renzi ha dato lezione di andreottismo. Con voto, quello per il Quirinale, e senza andare alle urne, ha sistemato per le feste Berlusconi e la Lega, già lanciata per far fuori nei sondaggi Forza Italia.

“Geniale”, “segnale chiarissimo”, “azione da leader”. Sono alcune tra le espressioni che un gruppo di sondaggisti hanno usato per definire la scelta di Matteo Renzi di puntare su Sergio Mattarella per lo scranno più alto della Repubblica.

Dice Nicola Piepoli: “Alla mia età una grande lezione di vita da un ragazzo come Renzi. La scelta di Mattarella è una mossa geniale che mette insieme una pluralità di effetti che vanno a vantaggio del premier: maggiore unità del partito, dimostrazione netta di leadership, dimostrazione che Berlusconi è ormai marginale. Geniale, e molto oltre la sua media. Non è possibile fare critiche a un gesto del genere, solo esprimere meraviglia. In confronto a Renzi Andreotti era uno scolaretto”.

Per Maurizio Pessato di Swg: “Per la gente conta se uno porta a casa qualcosa, non il balletto tra Nazareno sì e Nazareno no; e Renzi, ancora una volta, ha dimostrato di poterlo fare. Alla stragrande maggioranza interessa solo leggere il risultato finale, e non ne può più delle manovrine della politica”.

Più diretto Renato Mannheimer: “Determinato e bestiale: nel senso del possesso di un istinto animalesco nell’azzeccare le mosse”.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. In un contesto come questo dove il massimo della dignitá è strisciare, è logico che quando alzi lo sguardo sopra di te ci sono solo GIGANTI.

  2. Capita di arrivare pieni di energia in contesti di morti viventi , di non persone logorate da falsi problemi , inacidite e frustrate , ombrose e gelose, impaurite e rancorose ; attaccati alle presunzioni di vana gloria parassiti di vocazione e di fine sulle morenti spoglie di popolo rintronato di perbenismo ed illusione , anoressico , bulimico , drogato, invaso nel diritto e nella dignitá da aguzzini tribunali violenti sulle LIBERTÁ universali altrui come quelle di crearsi una famiglia senza essere espropriata di figli per fare cassa a delinquere su sangue e vite altrui. Questo spaccato è oggi irrespirabile e coloro che arrivano con narici e papille gustative ancora sane impiegano pochi secondi nell’individuarne l’olezzo e le fogne dei meandri di coloro che lo sprigionano. È come fece l’energico Nazareno cacciando dal tempio i mercanti abusivi , similmente l’energia del “divide et impera ” mette nel sacco bancali di debolezze ed arroganze incarnate nei burattini cinici ed egoisti pro domo propria. Così , anche il significato di interpretazione tra bene e male si confonde e, più sei debole è più non distingui il buco del culo da una piaga e ti rallegri innamorandotene di come sia geniale il tuo aguzzino nel farti tanto, ma tanto male . Così bello mio abbocchi come i nostri polli allorquando con tono suadente il bravo Erode , rassicurandoti ti esorta a indicargli un probabile Nazareno , in quanto generosamente omaggiarlo di 80 euro .

  3. solo una domanda
    se io chiedessi a renzi di motivarmi perche’ e’ capo del governo,con quale diritto,
    in base a quale legge reale e scritta?
    che cosa mai potrebbe rispondere?
    e lo stesso dicasi dello stato e le sue leggi
    venendo a meno la sua stessa forma
    con che diritto mi impone il suo diktat
    senza essere stato eletto da nessuno per la terza volta?

Rispondi a v4l3 Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Quando la Lega sapeva far ballare il Quirinale. Trombò Andreotti, cosa farà con Renzi?

Articolo successivo

I Geronti, i politici estinti. Nuova raccolta del Quirinale da collezionare in edicola fino esaurimento scorte