Reguzzoni, Grande Nord: i nostri parlamentari saranno sindacalisti del territorio

poltronaDai social

di MARCO REGUZZONI – Riflessioni che ti sottopongo. Il Governo Nazionale è un interlocutore, NON un amico o un alleato. E’ una controparte nella lotta per la nostra autonomia e per ridurre il peso dello Stato… Logica conseguenza è che GRANDE NORD non dovrà mai farne parte. I nostri parlamentari dovranno essere “sindacalisti” del territorio e lottare per strappare leggi e provvedimenti per i nostri comuni, i nostri cittadini e le nostre imprese, ma non diventare Ministri e Sottosegretari. Non si può far parte di un Governo Centrale e combattere il Centralismo: si finisce per fare il gioco di Roma e non portare a casa nulla. La storia insegna. Personalmente vedo GRANDE NORD composto da Sindaci e amministratori locali che comandano una “truppa” di parlamentari “incursori” con il fine di tutelare gli interessi del Nord e strappare concessioni, autonomia allo Stato centralista, libertà burocratica e fiscale…. GRANDE NORD pronto a votare la fiducia o una legge solo in base agli interessi del Nord. Occupare il centro politico, zero ideologia, massimo pragmatismo. Iniziamo un braccio di ferro con Roma, non ci sediamo su comode poltrone per partecipare al banchetto. Cosa ne pensi? Mi pare l’unica via per cambiare il Paese…

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Quando Milano tentò il primo strappo da Roma

Articolo successivo

Il ministro degli Esteri catalano: possono arrestarci tutti, ma voteremo!