/

Reguzzoni, da Grande Nord fiducia anche a Di Maio se favorisce nostra gente

reguzzoni

Sogno è avere Bossi in lista (ma non ci sarà). La certezza è che, se entreranno in Parlamento, da Roma voteranno solo le leggi e le norme che hanno impatto sulle regioni padane. La scommessa è quella del ‘Grande Nord’, che torna alle origini della Lega, puntando a raccogliere voti nelle regioni del Settentrione in cui sarà presente il simbolo depositato da chi è deluso dalla nuovo Carroccio, made in Salvini. “Per il Senatur porte aperte – spiega all’AdnKronos, Marco Reguzzoni, leader e fondatore della nuova formazione ‘nordista’ – anche se sarà difficile. Noi ripartiamo dalla visione di Miglio, dal suo federalismo e dalla lotta al parassitismo politico, ai politici di professione”. Nel nuovo partito ‘padano’, che vede l’imprenditore Roberto Bernardelli come presidente, si pensa a una politica che punti a difendere le istanze del Nord e dei suoi cittadini, ad ogni costo. “Non avremmo problemi – spiega Reguzzoni – a dare fiducie a governi di destra o sinistra, a Di Maio o a altri, se accetteranno, per prima cosa, la nostra riforma costituzionale”.

Dal profondo Nord non vogliono ministeri, né poltrone: “Solo risultati veri, per arrivare ad avere una Camera con cento parlamentari, uno per provincia e 40 senatori”. Reguzzoni, come lo stesso Bernardelli, non entrerà in lista: “E’ il tempo di mandare a Roma i nostri rappresentanti – spiega l’ex capogruppo leghista alla Camera tra il 2010 e 2012 – non gente che diventa politico di mestiere”. “Saremo lì con i nostri rappresentanti da usare come una clava per fare le cose per il nord, puntando a “demolire il sistema, non a farne parte”, aggiunge. Grande Nord, che si candiderà in tutte le regioni del Settentrione, ad eccezione di Trentino e Val d’Aosta (“lì i partiti autonomisti già lavorano bene”, spiega Reguzzoni) ha un programma in sette punti, improntato fortemente su tasse e federalismo. Sulla fiscalità, ad esempio, le proposte sono mille miglia lontano dai ‘cugini’ leghisti’: niente flat tax, piuttosto lo stop alle spese che ricadono sulle tasche dei cittadini del nord, “come i fondi per la forestale o per i bidelli della Campania”. Altro punto: “Dare poteri ai comuni e alle regioni – aggiuge Reguzzoni – . E poi ancora “una Inps del nord” perché “non vogliamo pagare per i falsi invalidi del sud”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Salta anche il capogruppo della Lista Maroni. Stefano Bruno Galli, "padre" del referendum lombardo, sostituito

Articolo successivo

Povero Miglio, gli intitolano i luoghi, ma non ne conoscono il pensiero