LAUREE FALSE: CONDANNATO REGIS, LEGHISTA ALL’ENEA

di REDAZIONE

E’ arrivata la condanna per Claudio Regis (nella foto), ex-senatore della Lega Nord ed ex- vice commissario dell’Enea. Il tribunale penale di Roma lo ha condannato a un anno e nove mesi (pena sospesa) per i reati di “sostituzione di persona e truffa”, mentre a seguito di separato giudizio dovrà risarcire l’Enea, costituitasi parte civile, partendo da una provisionale di 50.000 euro.

Che vanno ad aggiungersi alla restituzione dei 74.000 euro percepiti sempre dall’Enea, secondo la sanzione emessa un anno e mezzo fà dalla Corte dei Conti.

Ma la storia di Claudio Regis, detto “valvola”, merita di essere ricordata perchè è un’icona tragicomica del malcostume politico all’italiana.

Regis infatti è un ex-elettricista che nel 2005 il ministro dell’Università Letizia Moratti promosse a vice-commissario dell’Enea, il principale organismo nazionale per l’efficenza energetica. E tutto per fare un favore alla Lega Nord di cui “valvola” era un fedelissimo. Tuttavia Regis millantò anche una falsa laurea in ingegneria senza la quale non poteva accedere al ruolo.

Al solito a perderlo fu la presunzione: convinto delle sue stesse menzogne, diede “dell’incompetente” addirittura a Carlo Rubbia, premio nobel per la fisica e all’epoca presidente dell’Enea. La cosa insospettì un sindacato di base (la Rdb) che si informò sul suo conto. Scoprendo l’inganno.

FONTE ORIGINALE: http://isegretidellacasta.blogspot.com/2012/02/la-lega-nord-mise-un-falso-ingegnere-ai.html

Print Friendly, PDF & Email

7 Comments

  1. Di queste situazioni, ce ne sono ancora molte.
    Non solo nella Lega ma anche in altri lidi.

    Giusto fare pulizia, purchè sia tale dappertutto.

  2. Qui nn si tratta di dimostrare ke esistono poke o molte mele tossike in LN.
    Qui BISOGNA dimostrare ke almeno “un giusto” potrà salvare LN dalla sodoma&gomorra elettorale prossima ventura.
    tutti sanno come finì nel primo test. LOL**n
    Serenissimi Saluti

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

CONTI ITALIANI, NON E' IMPROBABILE UN'ALTRA "MANOVRA" ECONOMICA

Articolo successivo

LO DICE ANCHE NAPOLITANO: IMMIGRATI MA ITALIANI