Regione veneto: 15 milioni alle aziende del polesine

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

“Circa 15 milioni di euro destinati alle imprese del Polesine sono sicuramente un traguardo considerevole, in un momento di crisi, per la nostra economia. E’ la miglior risposta che in questo momento la Regione poteva dare alle aziende del nostro territorio, rivedendo e riutilizzando risorse europee a sostegno dell’industrializzazione in aree in difficoltà”. E’ il commento del leghista Cristiano Corazzari dopo l’approvazione definitiva del Bilancio regionale, avvenuta stanotte a palazzo Ferro Fini.

“Ringrazio l’assessore Coppola ma anche tutti i consiglieri di maggioranza per aver sostenuto questo emendamento, nella consapevolezza di quanto sia fondamentale, in periodo di scarsità di fondi e di tagli statali, impiegare con puntualità quanto ci viene assegnato dall’UE. In questo modo, non appena la Giunta regionale avrà dato il via libera con delibera, il Polesine e le sue aziende disporranno di risorse fresche da impiegare per lo sviluppo del territorio. L’importante è che siano ripartite nel modo migliore per garantire risultati quanto più possibile efficaci”.

Il consigliere leghista, durante la discussione del Bilancio regionale, ha anche presentato e fatto approvare uno specifico ordine del giorno, che impegna la Giunta veneta ad istituire un Fondo per gli immobili danneggiati dal terremoto dello scorso 20 maggio. “Il fondo – spiega Corazzari – servirà a sostenere l’adeguamento alle norme antisismiche delle attività produttive dei 5 comuni (Ficarolo, Fiesso Umbertiano, Gaiba, Occhiobello e Stienta) che dopo il terremoto ne sono obbligati. Visto l’impegno di tutta la maggioranza per ricavare i 15 milioni di euro per le imprese polesane, credo di poter rivolgere l’appello all’assessore Coppola affinché stanzi quanto prima, in maniera urgente ed immediata, le risorse per questi adeguamenti, la cui obbligatorietà è già in vigore con conseguenti oneri economici a carico delle attività produttive”.

Ufficio Stampa e Comunicazione Lega Nord L.V.P.
Consiglio Regionale Veneto

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Bankitalia e crisi: persi 7 punti di Pil e 600.000 posti di lavoro

Articolo successivo

Per piccole imprese e autonomi arriva una stangata fino a 25.700 euro