Referendum Veneto: la legge torna in commissione il 1° aprile. Che non sia un pesce

di REDAZIONE

La proposta di indire un referendum consultivo tra i veneti sul distacco della Regione dallo Stato italiano sara’ discussa in commissione Affari Istituzionali del consiglio regionale del Veneto da martedi’ 1 aprile. L’argomento e’ stato calendarizzato dalla conferenza dei capigruppo consiliari che ha deciso di riservare la mattinata di martedi’ prossimo ai lavori della commissione, convocando la seduta consiliare dedicata a Veneto Sviluppo nel pomeriggio. La proposta di legge per indire il referendum, primo firmatario Stefano Valdegamberi, sara’ discussa insieme alla proposta avanzata dal centrodestra sull’autodeterminazione dei veneti, presentata da Costantino Toniolo e Carlo Alberto Tesserin. “Un abbinamento che non ci piace – commenta il capogruppo della Lega Federico Caner, che oggi ha posto sul tavolo della conferenza la richiesta di accelerare i tempi di esame della proposta referendaria – Riteniamo comunque positivo che la commissione competente affronti la tematica referendaria la settimana prossima e siamo certi che il provvedimento approdera’ rapidamente all’esame finale del Consiglio”. Di tutt’altro avviso il capogruppo del Pd Lucio Tiozzo: “Martedi’ vedremo come si pronuncera’ la prima commissione, in ogni caso il calendario delle sedute consiliari e’ pressoche’ definito ad aprile, compresso com’e’ dalle varie scadenze. Difficile poi immaginare che a maggio, in pena campagna elettorale per le europee e le amministrative, ci siano le condizioni per poter discutere e assumere una decisione serena in merito al referendum indipendentista”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Repubblica Veneta, annunciato lo sciopero fiscale. Domenica la convention

Articolo successivo

Partito Sardo d'Azione: plebiscito digitale anche in Sardegna