/

Referendum / Lombardia e Veneto vogliono l’autonomia. Per i soldi, non per la cultura e la scuola. Assenti a Francoforte al Salone del Libro

salone librodi STEFANIA PIAZZO – Autonomia rispetto a Roma. Ma indipendenti rispetto alla cultura, che si traduce in assenti. Perché né la Regione Lombardia né la Regione Veneto, ci risultavano presenti con i loro istituti e le loro fondazioni culturali al più importante evento – culturale ovviamente – europeo, se non mondiale, che è il salone del libro di Francoforte. Che è un po’ come dire: ci interessano i soldi, con l’economia si costruisce la civiltà e si restuisce l’identità tradita. Milano? Moda, Expo, City Life, Borsa, banche. Venezia? Fabbrichette, capannoni, schei. Sappiamo che non è così ma l’assenza recidiva delle Regioni apripista dell’autonomia è significativa su come la politica pensi che tutto si debba solo monetizzare. Al massimo ci sono i soldi per la sagra col taglio del nastro  ma non per  le risorse culturali del territorio da esportare. salone libro3

Lo Spazio Italia ha ospitato 118 editori italiani e tre Regioni: Lazio, Piemonte e Sardegna. La nota ufficiale di presentazione dell’evento era ancora più specifica. “…Tra questi anche gli editori di cui la Regione Lazio e la Regione Piemonte hanno supportato la presenza – il Lazio attraverso l’Assessorato Cultura e Politiche Giovanili, l’Assessorato Sviluppo economico e Attività produttive e LazioInnova (società in house di Regione Lazio), il Piemonte tramite l’Assessorato alla Cultura e Turismo – e che hanno sede nelle rispettive regioni. Presente anche la Sardegna con una rappresentanza di 8 editori gestiti dall’Associazione Editori Sardi”. Invece, Lombardia e Veneto, non avevano niente da dire. Nulla da mostrare.

Presente, come sempre, lo spazio della Regione Catalogna.

D’altra parte lo sanno bene cosa voglia dire non avere libri. Filippo V per annientarne la cultura, aveva distrutto le loro biblioteche.  Qui, basta molto meno. I libri non si portano. Non si avocano a sè le competenze sulla scuola già scritte nella Costituzione. Lombardia e Veneto non sono solo residuo fiscale, ma d’altra parte lo si capisce da come parlano alcuni politici o aspiranti politici. Sanno solo contare, per sè.

salone libro2

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Per i soldi, non per la cultura e la scuola? Certo! Con i Soldi si puo fare tutto anche per la cultura, la scuola ecc. ecc. se questi. vanno a Roma e non tornano perchè dirottati altrove, si fa solo quello che è piu necessario (e non è detto sia il piu giusto). Pertanto il referendum, si fa prima per i soldi poi si vedrà e se non saremo soddisfatti sul come verranno spesi, altro referendum per cacciare i responsabili. Forse la penso male ma la penso così.

  2. Mamma mia se ha ragione la Stefania Piazzo.
    Non solo. Qui nel Veneto per promuovere la Regione all’estero e per favorire il turismo già
    piuttosto pingue, hanno fatto un filmato;
    ” SCELGO IL VENETO “Il filmato che ho già “contestato” parte con un’immagine delle montagne del Bellunese, con boschi, piste innevate e poi si arriva agli occhiali della Luxottica e via così sino alla fine.
    Manco per i sette sentimenti di iniziare con una scultura del CANOVA, per poi passare ad un quadro del Tintoretto, e sentire la musica di Vivaldi…..per poi passare a tutto il resto che è solo pubblicità all’economia Veneta. LA CULTURA…..questa sconosciuta o dimenticata !!!
    Non mi meraviglio quindi gentile Stefania se anche nell’occasione da Lei ricordata nel suo articolo VENETO e LOMBARDIA non ci sono…….magari spendono soldi altrove e con meno utilità….ma cosa ci vuol fare, tutti i politici o quasi sono degli emeriti ignoranti in fatto di cultura…..la loro cultura è solo quella della carega….e quindi qualsiasi cosa facciano o pensano non partono mai dalla CULTURA da cui noi tutti stiamo traendo forza e creatività ben apprezzate in tutto il mondo.
    La scuola italiana è solo un’agenzia per il lavoro dei sinistri maestri e professori ma per gli studenti, questi
    discorsi non contano nulla perché nulla è ciò che apprendono del nostro patrimonio culturale fatto di secoli e secoli di storia e maestria.
    Prima di fare un tale filmato avrebbero dovuto pensare al nostro glorioso passato….andato in malora per il centralismo romano e poi pensare all’economia Veneta.
    Si’,è vero , senza economia anche la cultura diventa difficile da coltivare…ma proprio per questo bisogna metterla sempre per prima….per ricordarcela…per coltivarla…..per esaltarla poi si può passare a tutto il resto.
    Come La capisco Stefania Piazzo….come la capisco… !!!
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La Lega usa il referendum per cambiare lo statuto. Il 22 ottobre Giorgetti fa il funerale all'indipendentismo. Alemanno: viva il popolo sovranista

Articolo successivo

Dov'è finito il Nord anticanone Rai?