Referendum, GRANDE NORD: Maroni si dimetta, mancanza 51% sconfitta politica presidente

referendum lombardia“La scarsa affluenza al referendum lombardo non è un dato contro l’autonomia, ma è semmai una responsabilità precisa del governatore Roberto Maroni. A differenza che in Veneto, la partecipazione è molto al di sotto delle aspettative. Quella che poteva e doveva essere un’occasione storica per la Lombardia è stata organizzata alla fine di un mandato inconcludente con il vero obiettivo di farne uno spot elettorale per il Governatore. Il mancato raggiungimento del 51% è una bocciatura inequivocabile non dell’autonomia ma del Presidente lombardo”. Lo dichiara Roberto Bernardelli, cofondatore di Grande Nord.

“Noi – spiega Marco Reguzzoni, cofondatore di Grande Nord – crediamo davvero nell’autonomia, abbiamo sostenuto questo referendum e siamo convinti che la maggioranza dei lombardi sia favorevolissima all’autonomia. Ed e’ proprio per questo che chiediamo le dimissioni del governatore Maroni che ha trasformato un’opportunità in un boomerang. Se chiedi un mandato popolare con un referendum consultivo o ottieni la maggioranza o vai a casa: altri leader come Cameron o lo stesso Renzi lo hanno fatto, Maroni deve rendersi conto di essere giunto al capolinea e farsi subito da parte.”maroni

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

SI' all'autonomia: vince il popolo. Nonostante la politica

Articolo successivo

Besozzo, Grande Nord mercoledì 25 ottobre serata con i cittadini