Referendum, e se l’astensione fosse il male minore? D’altra parte il Nordismo cosa se ne è fatto del potere delle Regioni fino ad ora?

somaro-nord
di SERGIO BIANCHINI – Caro Reguzzoni io sto proponendo l’astensione e non il sì.  (http://www.lindipendenzanuova.com/reguzzoni-a-chi-votera-si-al-referenzium-illusione-pensare-ad-alleanze-tra-nord-e-centro-prima-renzi-se-ne-va-meglio-e/) Non ti e non mi spieghi come mai il sud è contro la riforma e Renzi. Idem per il veterocomunismo che lo odia e lo paragona a Berlusconi, cosa che per noi dovrebbe già essere un po’ significativa. Così l’intellighenzia che ci ha sempre bastonato per la quale si è appena espresso Asor Rosa.
Non parliamo della magistratura militante che ci ha sempre massacrato e che teme di essere riformata.
Cito anche la Parietti che ho visto ieri sera in TV e mi ha fatto “tenerezza”.
Nel merito sono totalmente convinto della necessità di una sola camera per fare le leggi e questo motivo per me è sufficiente a non demolire la riforma anche se fossero sbagliati tutti gli altri aspetti.
Le lacrime sul cambiamento del titolo 5,  relativo alle autonomie, mi fanno ridere perchè a suo tempo il nordismo fu contro quella ridefinizione dei poteri stato regione e, una volta fatta, non la usò mai, a cominciare dall’articolo che dava alle regioni il potere organizzativo sulla scuola. Anzi, il nordismo continuò e continua a sostenere il concorso nazionale dei docenti.
Quindi mentre non vedo alcuna reale complicazione con la vittoria del sì vedo riprendere, in caso di no, vigore a tutta la fuffa prepotente che ci comanda da trenta anni e che con la vecchia magnifica costituzione ci ha sempre massacrati. Per questo dico che come minimo bisogna astenersi.
L’indipendentismo “per dispetto” rischia la cecità. Ad esempio, la Brexit è chiaramente un processo di ritorno verso il basso della sovranità. Ma l’indipendentismo scozzese ha rischiato di farla morire prima che nascesse ed ancora oggi la ostacola e la teme. E’ una cosa che dovrebbe farci riflettere molto.
Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. E’ un referendum costituzionale e quindi non occorre il quorum per la validità della consultazione popolare.
    Vince chi ha più voti. Punto.
    Ma è il caso di dire NO per una serie di motivi.
    – La riforma è un capriccio di Renzi che vuole semplicemente fare una esibizione del suo strapotere
    – E’ il mezzo che usa Renzi per tenere impegnata a sua miIitanza ed i sui parIamentari e mantenere oliata Ia macchina del movimentismo di sinistra nella contesa cpn 5 stelle
    – E’ un inchino a JP Morgan che ne 2013 ha lanciato un appello a cambiare le costituzioni europee per promuovere la globalizzazione
    – E’ una riforma che mira a trasferire il potere dagli organi assembleari al capo di governo
    – E’ il pretesto per verifiche plebiscitarie del consenso al ragazzo fiorentino e per accusare gli avversari politici di broglio in caso di vittoria del NO
    – E’ una rifrma che lascia il bicameralismo ma lo rende più complicato dando occasione di continue modifiche Iegisative e regoIamentari per parare ogni attività de senato che rivendichi competenze nell’ esame dell’ iter Iegisativo
    – e atr ancora

  2. io non voterò perché da veneta mi considero già nella Repubblica Veneta che abbiamo votato, ma un si o un no su qualcosa di cui non si capisce niente perché il senato esisterà ancora e guarda caso di persone che non saranno i cittadini a scegliere… l’Italia è specialista nel creare complicazioni che poi con un’infinità di codicilli cercherà di chiarire, si fa per dire…
    una cosa è certa, la democrazia è diventata una parola vuota perché è meglio chiamarla partitocrazia…fin che regge!

  3. Bravissimo! così ci cucchiamo Renzi e soci per 50 anni.
    Ha calibrato la cultura di quel branco ?
    Alle sue considerazioni sull’atteggiamento degli ultrasinistri , dei meridionali e quant’altro a favore del NO rispondo : i nemici dei miei nemici sono (temporaneamente ) miei amici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Le origini del Sultanato di Francia

Articolo successivo

Presepi negli antichi lavatoi delle Alpi, la Val d'Ossola