Reddito cittadinanza. Maroni: lo vuole la Ue. Salvini: meglio canna da pesca.

di CASSANDRAPESCATORE

Si mettano d’accordo tra loro. Un giorno la Ue non va bene, un altro giorno siccome lo dice la Ue, allora va meglio. Come nel caso del reddito di cittadinanza, questione inaspettatamente aperta da Maroni, visto che ci sono i fondi europei, giustifica. Ma Salvini non è dello stesso avviso: meglio la canna da pesca.

Fatto sta che dichiarano questo. Al lettore la sentenza.

MARONI

“Mi meraviglio di chi si meraviglia: è l’Europa che ci dice di farlo e ci dà anche i fondi, cioè quasi un miliardo per il Fondo sociale europeo. Lunedì farò un incontro con la mia maggioranza, presentando alcune idee, aperto al contributo e alla buone idee di tutti. Sono convinto che tutti quelli che hanno detto di no non possano essere contrari al fatto che la Regione intervenga nei confronti di chi non ha altri mezzi di sussistenza ed è costretto ad esempio ad andare a cercare cose da mangiare nei cassonetti: è una vergogna, non possiamo permettercelo” ha spiegato Maroni, sottolineando che “questo intervento di carattere sociale puro è il reddito di cittadinanza, non è assistenzialismo e non è elemosina di Stato, è tutta un’altra cosa”. “Io – ha proseguito il governatore – voglio risolvere il problema dei 700mila lombardi, dati Banco Alimentare ripresi dal Sole 24 Ore, che sono sotto la soglia di povertà: chi vuole darmi buone idee è il benvenuto”.

SALVINI

Ha ribadito nel corso di una conferenza stampa a Marsala, di essere contrario al reddito di cittadinanza, definendolo nuovamente una “elemosina di Stato”. Parlando della proposta di reddito minimo, sostenuta oltre che dal Movimento 5 stelle anche da Roberto Maroni, il leader della Lega ha osservato: “A chi ha bisogno di mangiare preferisco regalare la canne da pesca piuttosto che il pesce”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Corte dei Conti: ex Province, a rischio tutti gli stipendi. Ma i dirigenti costano una fortuna...

Articolo successivo

Domani Beggiato e il sindaco di Vicenza con "Questione veneta"