Recidivi. Le toghe: punire i giudici che sbagliano non è una priorità

di BRUNO DETASSIStribunale

A volte le notizie si commentano da sole. Davanti alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati, uno dei commenti registrato è questo: “Il grande disagio della magistratura italiana sta nell’ordine delle priorità. I magistrati che tutte le mattine si sforzano di mandare avanti la macchina della giustizia ridotta in queste condizioni vedono anteporre la responsabilità civile alle riforme per l’efficienza”. A dirlo è stato il vicepresidente dell’Anm, Valerio Savio, tornando sulla legge in materia di responsabilità civile nel corso di un convegno a piazzale Clodio.

Ogni parola in più è superflua.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Quelli la’ hanno un potere abnorme, fuori NORMA.
    Artikolo uno della carta piu’ schifosa del mondo:
    …la sovranita’ e’ del popolo che la esercita secondo le leggi…
    Vuol dire tutto e niente. Anzi. NIENTE..!
    Se la sovranita’ e’ del popolo (inventato perche’ non ESISTEVA mika e non esiste…) tutti i dipendenti statali, tra cui quelli la’, dovrebbero inchinarsi, in segno di rispetto, di fronte al sovrano: il cittadino.
    Invece condannano ed assolvono in nome suo… la presa per il kulo e’ chiara o no, poi scrivono sulle pareti LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI. Tranne che per loro, cioe’: I PURI E GLI INTOCCABILI..! I NUOVI DEI, atei e o laici perche’ ROSSI..?
    .
    Quindi se quelli la’ sbagliano, come tutti gli esseri umani (o sono degli DEI che sono infallibili come lo era il PAPA?), devono essere puniti come si puniscono tutti gli altri uomini che sono rinchiusi nel carcere di stato di nome italia o francia o quel che volete magari ALKATRAZ.
    Voglio dire, le leggi in italia (karcere komunista) devono poter colpire qualsiasi cittadino di quel karcere, ke essi siano alti papaveri o meno.
    Il Doge, nella Serenissima Repubblica Veneta, pagava se sbagliava. Ad uno di loro, basto’ quell’esempio per tutti gli altri successori, gli fu tagliato la testa. Tse se capirono…
    .
    Privilegi oggi, data nel terzo millennium, no. Basta. Sebben so che sara’ dura toglierglieli a quella casta ed ad altre. Non sara’ prioritario ma bisogna incominciare…
    Su, dai. COMINCIAMO se siamo POPOLO SOVRANO.
    At salüt

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Per la casta priorità la cittadinanza agli stranieri. Per ultimo via i vitalizi ai condannati

Articolo successivo

Rimborsopoli lombarda, il pm: la politica fatta nei ristoranti, volontà opaca di approfittare