Ragusa: indagati 197 fra falsi invalidi, medici e politici

di REDAZIONE

La Guardia di finanza di Ragusa coordinata dalla Procura di Modica ha indagato 197 persone tra falsi invalidi, medici e politici nell’ambito dell’inchiesta denominata ‘Guido Tersillì, che riguarda una presunta truffa all’Inps e un danno erariale di 1 milione di euro per concessioni di pensioni di invalidità in realtà non spettanti. Secondo gli inquirenti «la spartizione clientelare degli incarichi in seno alle diverse commissioni dell’Asp 7 da parte delle diverse forze politiche, permetteva ai rispettivi uomini di riferimento di avere una corsia preferenziale per il riconoscimento delle invalidità». Tra gli indagati, 74 medici e dipendenti dell’azienda sanitaria e 9 tra politici e personale di segreteria, sono accusati di associazione per delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falso ideologico, mentre i 114 falsi invalidi sono accusati di concorso in truffa aggravata e dovrebbero risarcire 1 milione di euro ad oggi indebitamente percepito.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Se i quattrini non dovessero più riempiono la fossa dei falsi invalidi, si inventerebbero un’altra motivazione.
    Onore ai siciliani: quando da Roma quattrini non ne faranno piovere più perché più non ce ne saranno, saranno loro che innescheranno fisicamente quella rivolta sulla quale tanti qui al nord hanno solo parlato.
    Non è da un referendum (poi sicuramente stoppato) che otterremo l’indipendenza del Veneto, ma restiamo in guardia ché nel corso di una rivolta generale, tirarsi fuori sarà molto facile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Zaia: in Veneto i bossiani sono solo quattro gatti

Articolo successivo

L'Italia? Un morto che cammina. Meglio andare all'estero a fare impresa