Questore della Camera: Dubbi su missione Russia anti Covid. “Materiale scadente, anomalie? Fare chiarezza”

“A proposito della missione russa anti Covid in Italia del Marzo 2020, su cui ancora oggi tornano a parlarne i giornali, bisogna sottolineare che non c’è solamente l’inquietante risvolto di possibili iniziative spionistiche, ma anche l’eventuale ricaduta sulla salute degli italiani a causa della gestione dei ventilatori che sarebbero giunti dalla Russia in quell’occasione e consegnati a diverse strutture sanitarie, tra cui quelle di Bergamo e Milano. Da quanto si è potuto apprendere, tali delicati dispositivi medici avrebbero presentato pericolose anomalie di vario genere, un discutibile livello tecnologico, malfunzionamenti tecnici e mancanza di idonei marchi di certificazione”. Lo afferma il deputato azzurro Gregorio Fontana, questore della Camera e membro della Commissione Difesa.

“Su questa questione occorre fare piena luce sull’affidabilità e sull’efficienza di questi ventilatori – accertandone il numero e quali modelli siano stati assegnati alla task force russa – per togliere ogni dubbio sulla possibilità che tali delicati dispositivi sanitari siano stati utilizzati per i pazienti italiani. Per questo mi auguro che il Governo faccia presto chiarezza anche su questo punto, rispondendo all’interrogazione da me presentata su questa materia un mese fa”, conclude Fontana.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Sul Covid ancora il mistero del laboratorio? Palù: Finché Cina non rompe il silenzio non sapremo se è stato "incidente" laboratorio

Articolo successivo

Non contenti, arriva anche il Forum per il Sud