Quell’ironia atavica del Corriere sul bilinguismo…

di REDAZIONElingua veneta – Ironia atavica sul bilinguismo. Il Corriere della Sera il 3 gennaio 2015 con un pezzo di Massimo Piattelli Palmarini riportava uno studio che metteva in connessione i benefici del bilinguismo e la salute. Addirittura si spiegava che vi sarebbero “5 anni il ritardo dell’insorgenza dell’Alzheimer nei bilingui” . Ma “nessuno, che io sappia, -scrive l’articolista – ha, però, studiato il bilinguismo legato ai dialetti. Il bimbo che cresce, poniamo, a Bergamo o in Sardegna, o in una qualche altra regione d’Italia che gode di un dialetto per gli altri incomprensibile, è anche lui o lei bilingue. Mi auguro che anche loro godano di tutti questi vantaggi cerebrali e cognitivi”. Ironia, scherno o riflessione più seria? In ogni caso, non vorremmo dire…. ma il Veneto è una lingua. Come il Sardo… e il Lombardo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La nuova imposta sui redditi, il regalo di Natale di Renzi

Articolo successivo

"Il problema del plebiscito di annessione del Veneto al Regno d'Italia", incontro a Belluno con Beggiato