Quale è il premier degno per rappresentarci? Ce lo dice la principessa Romilda

romilda

di STEFANIA PIAZZO – Romilda, la principessa di Cividale, venne un giorno attratta dal potente e suadente Cacano, re degli Avari, che aveva mietuto morti e depredato il Nord, e si fece sposare. Durò una notte, l’amplesso del potere. Perché il giorno dopo l’unno seppe pagare con la moneta con cui si pagano i traditori. Romilda venne impalata davanti alla sua gente. Questa era la lezione: così finiscono gli ingordi, chi per libidine del potere apre le porte della città al nemico. Perché, sia chiaro, è sempre da dentro che il tradimento agisce. In cambio di nomine, accordi elettorali, potere fine a se stesso.

«Talem te dignum est maritum habere!». «Questo è il marito degno di te!», riportò fedelmente Paolo Diacono nella sua Historia Langobardorum.

I tanti Paolo Diacono che oggi riportano la cronaca della politica  ci fanno intuire chi ha aperto le porte della nostra terra all’unno che passa. Non sono gli immigrati, né i profughi.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Impalarli è quello che dovremmo fare anche noi a tutti i traditori della CIVILTA’. I maledetti progressisti che ci stanno trascinando al suicidio. Sono dei bigotti allucinati posseduti e pilotati dalle loro allucinazioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Indipendentismo, un mare di valori

Articolo successivo

Catalogna, per la Farnesina gli stati sono monarchie