Chi salirà sul Colle? Ma Renzi, of course…

di MARCELLO RICCIquirinale02
Renzi dall’America ha fatto sapere che per il bene di molti farà piangere alcuni, Re Giorgio ha tra le righe ha detto che dopo aver compiuti i 90, si ritirerà a vita privata, Gargamella, pardon Bersani, ricorda all’iperattivo Matteo che governa Pd e Paese anche in virtù del suo 25%. Notizie che singolarmente hanno valore episodico, ma se collegate acquistano significato programmatico. Si riflette, si elabora e con un quadro complesso e confuso come l’attuale, si formulano ipotesi varie e diverse , tutte possibili. Nella notte si sogna. Spesso i sogni traggono origine da pensieri abbozzati o elaborati.
Il proconsole italico ha varcato l’oceano per riferire a Obama, capo supremo delle Terre coloniali e per aver il placet sul programma. C’è aria di rivolta e il vecchio Re Giorgio vuole lasciare, farà un ultimo sforzo, quello di abdicare…ma in favore di chi? Molte indecisioni, scelta difficile. Renzi affabula, promette, forse vorrebbe mantenere, ma come? Matteo è cosciente che i sudditi soffrono, debbono mantenere dignitari improduttivi e famelici che si sono nel tempo moltiplicati con la velocità dei batteri e resistono con la longevità degli elefanti. Sempre nel sogno il Gran Capo approva, Matteo torna nel protettorato per passare dai propositi ai fatti, ma come sempre, tra dire e fare c’è di mezzo il mare. Sudditi stremati, dignitari arroccati, nulla si taglia, nulla si costruisce….. come uscirne senza perdere la faccia?
Come sempre, copione collaudato, crisi di governo, situazione tragica, niente elezioni, un nuovo governo esce dal cilindro del Mago, funziona è collaudato…. prima Monti con Fornero, Cancellieri, Severino dal 16 novembre 2011 al 27 aprile 2013, poi Enrico Letta dal 28 aprile 2013 al 21 febbraio 2014, poi ancora Matteo Renzi dal 22 febbraio 2014. Tutto semplice, senza nulla spendere per inutili elezioni, nessuno ha potuto realizzare le promesse per la brevità dei tempi di governo, nessuno è responsabile del marasma, tranquillo Matteo ne uscirai con la faccia pulita, con l’aureola del martire e stante l’età, un domani non lontano salirai sul Colle.
I disoccupati, gli esodati, i sottopagati, gli affamati, gli invalidi veri, i senzatetto….problemi apparenti, non sostanziali…… c’è l’arte di arrangiarsi. Regola di vita e strumento di governo.
Dal mare arriva Ebola, sbarca l’armata dell’Isis……
Non c’è problema, le epidemie sono ricorrenti nella storia, come le invasioni…

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Per il sig. MARCELLO RICCI e per quelli che seguono la sua scuola di pensiero.

    C’è già tanta confusione, non è proprio il caso di incrementarla.

    1) ” …. come uscirne senza perdere la faccia ?”-

    La faccia l’hanno persa da tempo sia i politici (agli ordini del Governo Mondiale) che gl’italiani che hanno continuato ossessivamente ad eleggerli, ad approvarli.

    2) “….. nessuno (Monti, Letta, Renzi) ha potuto realizzare le promesse per la brevità dei tempi di governo …. ”
    Nessno “ha realizzato” perchè l’italia unita NON E’ GOVERNABILE NE’ RIFORMABILE.
    Lo dicono i fatti.

    E Silvio, con incorporata la Lega, cosa ha realizzato con i suoi lunghi soggiorni al governo di bell’italia ?
    Ha badato ai fatti suoi e ci ha procurato danni (vedi aumento delle tasse, sorvoli aerei Nato con erogazione di scie chimiche – aerosol tossici – e incremento dell’invasione)

    Se anche dovessimo realizzare nuove Entità Territoriali autonome, il risultato non è scontato perchè, oltre ad essere invasi, abbiamo un frullato di società, di popolazione eterogenea e corrotta.

    3) ” …. le epidemie sono ricorrenti nella storia, come le invasioni.”.

    Guardi che l’invasione che stiamo subendo e finanziando, non è una epidemia bensì la realizzazione del SuperStato EURABIA, programmato dal Governo Mondiale

  2. Bravo!!
    Ora, a parte il gregge che schiavo al massimo si lamenta (è consentito perchè non porta a nulla e non ribalta nulla) ma non sa e non vuol sapere… la categoria irresponsabile e complice della distruzione, ovvero i giornalisti mainstream? Tromboni amplificatatori dei colonizzatori, a libro paga di un capo che credono dispenserà loro solo privilegi?
    O vogliamo vedere ed intendere il crollo di una cultura e società solo perchè chiudono le fabbriche e “non siamo piu’ competitivi”?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Tutele del lavoro, l'Europa ne dà di più. Altro che articolo 18

Articolo successivo

In Svizzera parte il censimento in "dogana" dei frontalieri