PRIMO MAGGIO, RIBELLARSI E’ GIUSTO. ALTRO CHE FESTEGGIARE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Anche quest’anno è arrivaTO il 1°Maggio, crediamo non ci sia niente da festeggiare: tutta l’Europa, e non solo è attraversata da una crisi finale. L’Europa della trilaterale è giunta al capolinea: si tratta di capire e vedere se il passaggio a una nuova società sarà una tragedia caratterizzata da una guerra totale o parziale. E’ evidente che i popoli del Sud Europa, e non solo, non possono essere affamati senza reagire; la trilaterale (poteri economici ) non colpisce soltanto il popolo lavoratore, ma anche la piccola, e media borghesia, e la stessa borghesia nazionale.

La politica monetaria degli U.S.A. e della Germania (stampare carta moneta senza valore) ha dapprima drogato i mercati, e dopo li ha distrutti, aprendo nuovi scenari geopolitici.

I popoli d’Europa devono trovare nuovi terreni di lotta, e nuovi obiettivi. Questi obiettivi sono l’Autodeterminazione politica e l’Autogestione economica. Ciò, in altre parole significa fine dello sfruttamento del pianeta, con produzioni inutili e fine dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo, attraverso una nuova politica economica. Nuova solidarietà tra tutti i popoli del pianeta, con un riequilibrio dei diritti.

Su queste parole d’ordine il Veneto Serenissimo Governo, erede e continuatore della storia, cultura e tradizioni della Veneta Serenissima Repubblica, chiama alla lotta gli sfruttati contro la trilaterale, rappresentata in italia dall’affamatore Mario Monti.

VENETO SERENISSIMO GOVERNO – Il Presidente Luca Peroni

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Fratelli VENETI: ma ci pensiamo per un’attimo a cosa potremo esportare con le nostre capacita’ ed i nostri prodotti semplicemente unici, se ci liberassimo dal giogo mostruoso di questo stato??
    Ci compreremo noi la Cina, altro che.
    Comunque un popolo che non sa’ aprofittare delle occasioni della storia resta sottomesso per sempre. un saluto

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L'IDENTITA' TOSCANA, QUESTIONE DI STORIA E DI SEMANTICA

Articolo successivo

MONDELLO, LE CASE DI PIZZO SELLA TORNANO AI LEGITTIMI PROPRIETARI