Povera Italia, non la cagano più nemmeno gli extracomunitari

di TONTOLO

Povera Italia, non ci cagano più nemmeno gli extracomunitari. Sentite questa:

 ”In Italia in questo momento non c’e’ un’invasione di immigrati, ma piuttosto una defezione, e’ finito il tempo in cui pensavamo di essere un paese desiderato”. Lo sostiene il ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi, che ne ha parlato alla festa nazionale del Pd di Reggio Emilia. ”L’Istat – ha spiegato – dice che mancano un milione di immigrati, qualcuno sara’ tornato in patria perche’ non aveva lavoro, ma quelli piu’ inseriti spesso sono andati in Inghilterra, Francia e Germania. Lo sviluppo del nostro paese ha bisogno di immigrazione, molti imprenditori dicono che mancano i lavoratori: la nostra percezione dell’immigrazione e’ arretrata”. ”Io voglio dire agli italiani – ha aggiunto Riccardi – che per il nostro paese gli immigrati sono chiave di futuro, sviluppo e speranza. Se non si investe sull’integrazione i piu’ tecnicamente preparati se ne andranno”.

Caro Riccardi, gli immigrati extracomunitari non vengono più in Italia, e molti di quelli che qui c’erano se ne vanno, non perché c’è una cattiva integrazione, ma perché non c’è più un cazzo da fare…, forse manco da rubare. Alcuni penseranno che sarà anche un bene, ma la sensazione generale è che si sente puzza di fallimento.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Dell'Utri non ha mai restituito i soldi a Berlusconi

Articolo successivo

Ballabio, esiste un addetto all'esposizione delle bandiere