Vi suggerisco di ritirare tutti i vostri risparmi dalle banche!

di SILVANO POLO

Spettabile redazione, invio questa mia riflessione come ulteriore commento su quanto sta succedendo in questa italietta di ladri (i politici) e di imbroglioni (i giornalisti).
Al 31 ottobre – al tempo dell’insediamento del “supertecnico” Monti – il DEBITO PUBBLICO era di 1.883 miliardi di euro.
Al 31 maggio (notizia di ieri) è arrivato a 1966 miliardi, cioè un incremento di ben 83 miliardi in 7 mesi (!) – il più alto mai registrato nella storia del  “debito pubblico nazionale”.

Inoltre, in questo periodo vi è stata anche una “manovra finanziaria” di circa 24 miliardi di euro prelevati, quasi tutti, dalle tasche dei ceti medio-bassi.
Il “buco” finanziario, prodotto da questo governo di “supertecnici” – in soli 7 mesi – è stato quindi di  107 miliardi (83 + 24). Il presidente Monti, però, continua a dire che :

  • “L’italia non ha bisogno di aiuti esterni”,
  • “Non abbiamo bisogno di ricorrere al fondo salva-spread”,
  • “L’italia non ha bisogno di aiuti finanziari esterni, dalla BCE”.

Non ho più parole… ma mi scandalizza il fatto che tutti i media (tv e giornali) anche quelli tecnici e che si dichiarano, anche, super-partes (come il “SOLE 24ORE”) non dicano niente di tutto questo. Inoltre, vorrei sapere che fine hanno fatto i 215 miliardi di euro di “aiuti” (ma allora ce li hanno dati o no…?) che la BCE (Draghi) ha dato all’italia da dicembre ad oggi.  Sono serviti a salvare le banche e in parte accantonati per poter ricomprare i titoli di stato (BOT E BTP) che andranno in scadenza nel corso di quest’anno.

Vi suggerisco di ritirare tutti i vostri risparmi dalle banche (sperando che la Germania continui ad usare l’euro e non torni al marco) e cominciare a risparmiare perchè, con questo governo di “supertecnici” il disastro è sempre più imminente.

*Imprenditore, ex sindaco di San Bonifacio 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Miracolo! In meridione i forestali han deciso di lavorare

Default thumbnail
Articolo successivo

L'indipendentismo richiede progetti chiari per non restare utopia