/

Plebiscito nel 2016 per l’indipendenza del Sud Brasile

di REDAZIONEplebiscito2

Il Movimento “O Sul é o Meu País” che lotta per il riconoscimento del diritto di autodeterminazione del popolo del Sud-Brasile, ha partecipato attivamente ed è stato uno dei promotori delle manifestazioni contro la Presidente brasiliana Dilma Rousseff, avvenute nei giorni scorsi.
Le manifestazioni hanno avuto luogo nelle principali città del sud del Brasile, con la presenza di migliaia di manifestanti muniti di bandiere, striscioni e manifesti chiedendo le dimissioni della Presidente, accusata di corruzione. I separatisti del Sud hanno sostenuto gli altri popoli del Brasile alla manifestazione, ma hanno ribadito il loro desiderio di vedere la regione autonoma e presentando il progetto di fare un plebiscito nel 2016 per l’indipendenza del Sud.
L’entità “O Sul è o Meu País” ha rappresentanza in 860 città (delle 1.100 esistenti) del Sud-Brasile e ha rappresentanza internazionale in alcuni Paesi. In Italia l’entità ha un ambasciatore che ha svolto un lavoro di promozione e rappresentanza dei “sulistas” in Europa. L’ambasciatrice Geisi Prado ha partecipato a diversi eventi riaffermando l’intenzione degli indipendentisti del Sud-Bra nel mantenere legami di aiuto reciproco con altre popoli nel mondo che si trovano nella stessa situazione.plebiscito3plebiscito4

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La scomparsa dei settentrionali. Anche di chi li rappresenta?

Articolo successivo

Il debito pubblico nasce con la pontificata unità d'Italia